La gravidanza e il post parto ai tempi del Covid: "Momenti difficili per le donne, noi in aiuto"

Tra coloro che attendono di andare in ospedale per partorire e chi è a casa con il neonato, i problemi sono diversi, ma tutti importanti da affrontare

"Nessuno di noi era preparato a questo momento, tantomeno le donne che vivono in questo periodo l'esperienza della gravidanza e del post parto. Costrette in casa senza poter usufruire di servizi di accompagnamento che di solito aiutano nell'allattamento e in altre esperienze che la madre fa per la prima volta con il suo bimbo."

Un'attività silenziosa, dietro le quinte, ma di grande resposanibilità quella dell'associazione Salute e Nascita presieduta da Lavinia Trojanis. Un team che si avvale di professionalità che vanno dalla spicologa all'ostetrica, da chi promuove pratiche di yoga e massaggio infantile. E della passione di donne che compongono l'associazione, come Valentina Baglioni, appunto ostetrica e poi di Sara, Federica, Giuseppina, Giulia e Benedetta.

Per le donne un momento particolarmente difficile.

"Non c'è stato nemmeno il tempo di capire cosa stava succedendo intorno a noi, c'è sempre quel sentimento di incertezza per il prossimo futuro e i giorni non sono tutti uguali, si va da momenti di positività, quasi entusiasmo a forte scoraggiamento" spiega Lavinia.

Tra coloro che attendono di andare in ospedale per partorire e chi è a casa con il neonato, i problemi sono diversi, ma tutti importanti da affrontare:

gravidanza"Per chi è in gravidanza, si trova spesso a casa un po' nel panico, ferma con il suo corpo, con il pensiero di quale situazione troverà in ospedale e per questo noi a loro proproniamo attività di movimento, che è salute fisica e mentale" spiega Lavinia che infatti tiene il corsodi yoga in gravidanza e ammette: "abbiamo più partecipanti adesso di quando non c'era il lockdown."

Ma probabilmente la gestione più difficile è per la neomamma: "Magari è libera dal lavoro perché ancora in maternità, se non è libera professionista, e ha tempo da dedicare a se stessa e al neonato, ma spesso ci sono i fratellini e le sorelline più grandi che hanno altre esigenze, oppure hanno difficoltà a connettersi con noi in alcuni orari. Un periodo faticoso che non deve essere sottovalutato, tanto che proprio in questo mese di maggio organizziamo due appuntamenti specifici, il primo sulle emozioni del bambino e il secondo su quello dei genitori e poi ci sono le pratiche di meditazione e le colazioni informali tra mamme su zoom."

Tante le donne che hanno chiesto di partecipare agli incontri on line, per avere un confronto alla pari con chi stava vivendo la stessa condizione e così, anche in 80 si sono ritrovate collegate sulla piattaforma.

"Abbiamo avuto tante sollecitazioni fin da subito e così anche le ostetriche si sono messe a disposizione per consulenze telefoniche gratuite per il post parto e l'allattamento."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento