Giubileo di San Donato. Ad Arezzo arrivano oltre 2000 pellegrini, il programma della cerimonia

Sarà sotto il nome di San Donato che Arezzo aprirà le porte a migliaia di pellegrini provenienti da tutta Italia che accorreranno in città per venerare tutti insieme il santo patrono. Un’occasione straordinaria che verrà celebrata con una...

 

Sarà sotto il nome di San Donato che Arezzo aprirà le porte a migliaia di pellegrini provenienti da tutta Italia che accorreranno in città per venerare tutti insieme il santo patrono.

Un’occasione straordinaria che verrà celebrata con una giornata di incontro e preghiera nel cuore del centro storico cittadino. Sarà infatti sul sagrato della cattedrale che il cardinale Beniamino Stella affiancato dall’arcivescovo Riccardo Fontana officerà la messa chiamando a raccolta tutti i fedeli. conferenza_giubileo In tutto sono 67 i comuni italiani che venerano San Donato. Tutti accorreranno con una propria rappresentanza in città dove saranno accolti dal primo cittadino di Arezzo, Alessandro Ghinelli.

Nato su iniziativa di Don Alvaro Bardelli, il Giubileo di San Donato, sarà un’occasione per tutti i credenti per condividere una giornata di preghiera venerando il secondo vescovo di Arezzo.

“E’ una grande occasione per Arezzo – ha detto Don Alvaro Bertelli, organizzatore dell’evento – si tratta di un’opportunità di incontro e preghiera che porterà in città un consistente numero di visitatori. In questo senso ringraziamo tutti coloro che hanno dato il proprio supporto per l’organizzazione dell’iniziativa”.

Don Alvaro Bardelli Don Alvaro Bardelli

In città sono attesi oltre duemila pellegrini provenienti da tutti e quattro gli angoli della Pensisola.

“Arriveranno persone dalla Calabria, dalla Sicilia e da tanti altre regioni. Tutti saranno ad Arezzo per venerare il nostro Santo Donato. Da piazza Grande, dove l’amministrazione saluterà tutti i sindaci che arriveranno, farà seguito un corteo dove ci sarà un momento di preghiera per tutti”. Un impegno di non poco conto per l’amministrazione comunale aretina che ha già provveduto a pianificare l’accoglienza e mettere a disposizione i propri mezzi per dare un contributo significativo alla manifestazione.

“Abbiamo preparato le sedie per i fedeli che parteciperanno alla funzione – ha sottolineato il sindaco Ghinelli – ne abbiamo previste circa 2000. Chiediamo cortesemente a tutti gli aretini di comportarsi da buoni padroni di casa e lasciare che possano essere utilizzate da chi si è fatto centinaia di chilometri per arrivare in città. Personalmente darò il benvenuto a tutti e sessantasette i sindaci che arriveranno in città per questa grande occasione di preghiera e incontro”.

Prezioso anche il contributo della Fraternita dei Laici.

“Faremo l’accoglienza civile insieme al sindaco – spiega il primo rettore Pier Luigi Rossi – saremo alle 10 in piazza Grande per dare il benvenuto a tutti. Invitiamo tutti gli aretini a partecipare in maniera corale e consapevoli di essere una grande comunità”.

Il programma della giornata

Ore 7.30-8 ritrovo dei pellegrini al parcheggio Petri, qui verranno consegnati i kit per partecipare alla funzione e i gruppi verranno accolti dai volontari. Successivamente sarà offerta a tutti una colazione all’interno del palazzo vescovile.

Ore 9,00 ingresso dei pellegrini e dei fedeli in cattedrale attraverso la Porta Santa e omaggio all’arca di San Donato.

Ore9,30 omaggio al busto reliquiario di San Donato custodito all’interno della chiesa di Santa Maria alla Pieve

Ore 10 ritrovo in piazza Grande per il saluto della autorità e partenza del corteo.

Ore 11.30 Inizio della messa. La funzione verrà officiata sul sagrato della cattedrale. L’altare verrà allestito in prossimità della porta di mezzogiorno. Presiederà la messa il cardinale Beniamino Stella, prefetto della congregazione per il clero.

13,00 Pranzo comunitario riservato ai pellegrini ospiti presso il Prato.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento