Un giorno al museo: quando la disabilità insegna la storia ai bambini

L'esperienza del progetto VIVA in Valdichiana

Tatiana, Francesco, Gessica, Francesco,Matteo, Alba e Giacomo sono stati bravissimi e penso che per loro sia stata la giornata della felicità dopo aver studiato per ben 2 anni. I miei preferiti sono stati tutti". Simona è una bambina della quinta elementare di Castiglion Fiorentino. Con la sua classe è andata in visita al museo della città della Valdichiana e già questa è stata una straordinaria esperienza ma a renderla ancora più tale hanno contribuito le guide. Sei ragazzi del progetto Viva e cioè Vita Indipendente Valdichiana per le persone con disabilità, promosso dai Comuni della Valdichiana aretina, dell’Usl Toscana Sud Est, dal Sistema Museale Castiglionese e dalla cooperativa sociale Koinè.

Aggiunge Niccolò, un altro bambino delle elementari: “i ragazzi del progetto ci hanno spiegato con bravura la vita dell’antichità.  Tutti sono stati bravi e all’inizio credevo che quei ragazzi fossero pieni di esperienza ma poi mi hanno detto che quello era uno dei primi incontri”.

Ed era vero. Era il loro esordio in qualità di "guide", ovviamente non ufficiali e con tesserino ma da protagoniste di un progetto culturale e d'integrazione sociale.

Particolarmente soddisfatta anche Sofia che si rivolge direttamente a loro: “siete stati tutti bravissimi ma la parte che mi è piaciuta di più è stata quando Alba ci ha parlato della biblioteca e sembrava che avesse imparato tutto un discorso a memoria solo per noi e nel raccontarci non si è mai fermata. Grazie".

E i ragazzi di Viva come hanno vissuto questa loro esperienza? Tatiana: “ felice di guardare negli occhi”. Francesco G: “Una grande soddisfazione”. Alba: “L’esperienza mi ha messo alla prova e ne sono uscita vittoriosa”. Francesco P.:Un’emozione grande e unica”. Giacomo: “Mi sono sentito al centro dell’attenzione. Tanti sguardi su di me”. Matteo: “non sono stato bravo ma eccellente”. Gessica: “un batticuore grande”.

Siamo orgogliosi di aver dato vita a questo progetto di interazione tra il sociale e la cultura -­ dichiara l’assessore alle politiche sociali, Stefania Franceschini

 Stefania Battaglini e Francesca Martini, della cooperativa sociale Koinè, ricordano il progetto di formazione per i 6 giovani: "nessuno dei nostri ragazzi aveva competenze particolari o aveva seguito studi di storia dell’arte o archeologia. Due archeologhe e storiche dell'arte del museo, Stella Menci e Gessica Boffa, si sono messe a disposizione per le ore di formazione necessaria. Teoria e prassi. Non solo. Al pomeriggio, dopo le lezioni, ripetevamo nei locali di VIVA quanto imparato la mattina. Oggi possiamo dire che le ore di formazione hanno ripagato con orgoglio. Siamo fiere di poter dire che l’esposizione dei ragazzi è stata emozionante".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In due anni - conclude Stella Menci, Direttrice scientifica - i ragazzi oltre ad aver acquisito competenze scientifiche hanno sviluppato ottime doti d’interazione con il pubblico rappresentando in maniera semplice ma assolutamente efficace il concetto d’inclusione museale che da anni il nostro Sistema Museale sta portando avanti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento