Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giornata mondiale della vista. Visite gratuite e prevenzione. L'Uic dona nuovo macchinario

Ambulatori oculistici aperti gratuitamente e senza prenotazione oggi al San Donato, in occasione della Giornata Mondiale della Vista. Una iniziativa che sta richiamando un gran numero di cittadini. "La vista – è stato ricordato stamani dal...

Ambulatori oculistici aperti gratuitamente e senza prenotazione oggi al San Donato, in occasione della Giornata Mondiale della Vista.

Una iniziativa che sta richiamando un gran numero di cittadini.

"La vista – è stato ricordato stamani dal direttore di Oculistica Andrea romani e dai rappresentanti della Uic, Franco Pagliucoli e Gian Lorenzo Casini - è un bene prezioso che va sempre tenuto sotto controllo, anche quando apparentemente non ci sono problemi. La prevenzione è la miglio cura. Ideale fare controlli periodici alla vista: dopo i 40 anni ogni 5 anni e dopo i 60 ogni 2.”

Stamani è stato consegnato dalla Uic all’ospedale uno strumento. Un a sorta di tradizione che arricchisce il patrimonio strumentale della nostra oculistica.

Si tratta di un Autocher: autorefrattometro ( misurazione dei difetti visivi) e autocheratrometro ( misurazione della dimensione dell’occhio e della curva corneale).

romani_andrea“Ne abbiamo di diversi modelli in Azienda – ha spiegato Andrea Romani – ma di questo apparati ne dovrebbe essere presente uno in ogni ambulatorio per la diagnostica di base. Rilascia risultati stampati e quindi con il tempo confrontabili monitorando così la progressione o regressione del difetto visivo. Non esiste l’occhio perfetto: anche l’occhio migliore è spesso soggetto ad un lieve astigmatismo. Il difetto più diffuso – ha spiegato Romani - è la miopia (incapacità di vedere da lontano). Altissima percentuale si registra nella popolazione asiatica (colpisce il 90 % della popolazione). I difetti refrattari colpiscono il 50% della popolazione, ma nella maggior parte dei casi la muscolatura oculare riesce a compensare il difetto e a correggerlo. L’occhio quando guarda da lontano è a riposo e i muscoli iniziano a lavorare guardando da vicino. Di solito alla soglia dei quarant’anni c’è bisogno di occhiali per la visualizzazione da vicino.”

Al San Donato si trova uno dei tre centri di “Ipovisione e Non visione”, della regione Toscana (gli altri due sono a Pisa e Firenze).

Franco Pagliucoli, consigliere nazionale della Uic, ha sottolineato che “la Asl di Arezzo è stato il primo ospedale in Toscana a chiedere suggerimenti alla associazione sui livelli di distinzione cromatica per gli ipovedenti. L’associazione – ha ricordato Pagliucoli - da molti anni non opera soltanto a supporto dei ciechi totali ma anche degli ipovedenti (dai 3/10 di vista in giù) che sono in aumento e stanno diventando una fetta consistente, soprattutto nella fascia della terza età. Nella collaborazione con la Asl aretina, sul tema della sensibilità alle nostre esigenze, abbiamo trovato terreno fertile per realizzare i nostri progetti di sostegno”

Gian Lorenzo Casini (nuovo presidente sezione Arezzo, dell’Unione italiana non vedenti e ipovedenti) ha inteso sottolienare che “a livello sociale tanto è stato fatt, ma molto ancora c’è da fare per sensibilizzare i cittadini e per progredire nella campagna di prevenzione. Nonostante i limiti economici d’investimento siamo fiduciosi che grazie alla collaborazione con le istituzioni locali e la nostra Asl, tanto ancora verrà realizzato”.

Si parla di

Video popolari

Giornata mondiale della vista. Visite gratuite e prevenzione. L'Uic dona nuovo macchinario

ArezzoNotizie è in caricamento