Garante detenuti: Consiglio nomina Giuseppe Fanfani. Così il voto in aula

Le congratulazione del garante per i diritti per l'infanzia e l'adolescenza della Toscana: "Certa che saprà interpretare al meglio sentimenti e necessità in questo difficile momento di gravi restrizioni più stringenti del solito"

E’ Giuseppe Fanfani il nuovo Garante dei diritti dei detenuti della Toscana.   E’ stato nominato dal Consiglio regionale a maggioranza, dopo un lungo dibattito, con ventuno voti favorevoli, nove contrari e sette astensioni. Nato nel 1947, avvocato, è stato deputato, sindaco di Arezzo e componente laico del Consiglio superiore della Magistratura.

Perplesso sul percorso seguito per procedere alla nomina, alla luce di una mozione approvata dal Consiglio, si è detto Marco Casucci (Lega), che ha dichiarato il voto contrario: “Basta con due pesi e due misure. La situazione delle carceri è esplosiva e va affrontata nel suo complesso - ha affermato – Bisogna spostare lo sguardo anche sulle condizioni della polizia penitenziaria”.

Di  parere opposto Tommaso Fattori (Sì-Toscana a sinistra): “C’è assoluto bisogno invece di una figura come questa – ha affermato – Specie in una situazione di emergenza come l’attuale”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Gabriele Bianchi (Gruppo misto), che ha ringraziato  il predecessore Franco Corleone, in carica dal 2013, “che ha portato avanti questa missione”.

“Diamo corso ad una nomina di questo livello – ha sottolineato Leonardo Marras (Pd) – in un ruolo di coordinamento, da tutti ritenuto necessario”.

”Nominiamo una figura di garanzia - ha affermato  Serena Spinelli (Gruppo misto), annunciando voto di astensione - Abbiamo perso fin troppo tempo. Se ci fosse stata maggiore condivisione, sarebbe stato meglio”.

Per queste stesse ragioni Monica Pecori (Gruppo misto) ha dichiarato voto di astensione.  Voto contrario invece per Paolo Marcheschi  (FdI): “Si è persa un’occasione, proprio perché non si è cercato una condivisione - ha detto – che avrebbe rafforzato il lavoro che il Garante è chiamato a svolgere”.

Lo stesso motivo che ha spinto Andrea Quartini (M5S) ad annunciare il voto di astensione: “E’ un segnale su una modalità di agire che ci lascia perplessi”.

“Tutte le candidature erano di ottimo livello – ha osservato Maurizio Marchetti (Fi), annunciando il suo voto di astensione – Non abbiamo avuto modo di confrontarci per giungere ad una larga condivisione”.

Il Garante dei diritti dei detenuti svolge, in collaborazione con le competenti amministrazioni dello Stato e della Regione, numerose funzioni tra  cui assumere ogni iniziativa volta a verificare che ai soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale siano erogate le prestazioni inerenti al diritto alla salute, al miglioramento della qualità della vita, all’istruzione e alla formazione professionale e ogni altra prestazione finalizzata al recupero, alla reintegrazione sociale e all’inserimento nel mondo del lavoro. Segnala agli organi regionali eventuali fattori di rischio o di danno dei quali venga a conoscenza su indicazione dei soggetti interessati o di associazioni e organizzazioni. Interviene nei confronti delle strutture e degli enti regionali in caso di accertate omissioni o inosservanze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le congratulazioni del garante per i diritti dei minori

“Congratulazioni e auguri di buon lavoro” al nuovo Garante dei detenuti regionale, Giuseppe Fanfani, arrivano dalla Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Toscana, Camilla Bianchi. Appresa la notizia della nomina votata in Consiglio regionale riunito in videoconferenza nel pomeriggio di oggi, mercoledì 15 aprile, la Garante esprime felicitazioni per il rinnovo di una carica così rilevante.

“Sono certa - dichiara Bianchi - che il nuovo Garante nell'esercizo del proprio autorevole ruolo, saprà interpretare al meglio sentimenti e necessità forse, in questo difficile momento di gravi restrizioni, più stringenti del solito”. Tra queste ricorda “l'esigenza di garantire ai figli di genitori reclusi il diritto alla continuità del legame affettivo”. “È opportuno allargare le possibilità di comunicazione per evitare la crescita della solitudine".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

  • Comunali 2020: liste, candidati, sezioni e voti: tutte le preferenze espresse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento