Francesco Sebastiano Chiericoni: dal campo alla battaglia all'Arezzo. L'Araldo della Giostra si racconta a Prisma

Il suo debutto in veste di "Araldo di riserva" lo ha fatto negli anni '90. Poi, nel 2014, è arrivato l'incarico come titolare. E da allora, salvo che per l'edizione straordinaria, ogni Giostra del Saracino incarna la voce della piazza, la voce di...

prisma-chiericoni

Il suo debutto in veste di "Araldo di riserva" lo ha fatto negli anni '90. Poi, nel 2014, è arrivato l'incarico come titolare. E da allora, salvo che per l'edizione straordinaria, ogni Giostra del Saracino incarna la voce della piazza, la voce di Arezzo.

Francesco Sebastiano Chiericoni è stato l'ospite della puntata 11 di Prisma - Sfaccettature di società, la trasmissione social in diretta sulla pagina Facebook di ArezzoNotizie e curata da Claudia Failli ed Enrica Cherici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La formazione giostresca di Francesco Sebastiano parte da lontano quando da bambino giocava in casa con il bando e il costume del padre, Gianfrancesco Chiericoni storico Araldo della Giostra e stimatissimo personaggio pubblico.

Negli anni '90 ha scelto di affiancare suo babbo in questa avventura intraprendendo un percorso che lo ha visto muovere i primi passi durante le Prove Generali dove ha letto la "Disfida di Buratto" e risultati ottenuti dai cavalieri non titolari che negli anni si sono susseguiti. "Poi è arrivata la necessità di passare di livello - spiega Francesco Sebastiano - per ragioni di salute mio padre, nel 2014, ha dovuto rinunciare a ricoprire questo ruolo, e in pochissimo tempo ho ricevuto la proposta. La magistratura della Giostra ha reso possibile l'avvicendamento e così ho fatto il mio debutto. Era il 7 settembre del 2014. Non ero preoccupato per l'ingresso in piazza. Certo, l'emozione era davvero infinita, però ero abituato con le Prove Generali. La lettura del bando dalla finestra del Comune e prima ancora l'estrazione delle carriere erano invece i momenti che mi preoccupavano di più perché non li avevo mai fatti. Ho affrontato il tutto tenendo sempre a mente il consiglio che mi ha dato mio babbo: "leggi tutto, non improvvisare, non andare a memoria e vai". Così ho fatto e continuo a fare tuttora". Nato l’11 maggio del 1974 Chiericoni è avvocato di professione, è sposato con Silvia, ha un figlio e una figlia. Da sempre grande tifoso dell’Arezzo presente in Curva Minghelli, ha rivestito un ruolo determinante come avvocato di fiducia incaricato da Orgoglio Amaranto nei mesi di lavoro del Comitato per ottenere l’esercizio provvisorio di fronte alla sezione fallimentare del tribunale di Arezzo. "Sono stato incaricato - prosegue ancora Francesco Sebastiano - di rappresentare Orgoglio Amaranto durante i mesi passati. Sono state settimane complicate e molto concitate quelle che ci siamo lasciati alle spalle. Adesso il cammino di questa nuova società si è avviato e sono certo che avremo tempo e modo di vederne i risultati. L'appello che mi sento di lanciare invece agli aretini è quello di continuare a sostenere sempre e comunque la propria squadra in modo tale da non far mai mancare il supporto che si merita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • "Così precipitò l'incubo dei cieli", ritrovato in Casentino l'aereo dell'asso della Luftwaffe

  • Obbligo di mascherine sempre, ecco cosa dice l'ordinanza del sindaco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento