Fine vita dei malati Covid e visite dei familiari, Tanti: "Bene. Si tenga in conto l'hospice di Arezzo"

Intervento del vice sindaco di Arezzo e assessore al sociale Lucia Tanti: "Il tema coinvolge aspetti che toccano le corde della sensibilità di tutti noi"

Come detto ieri, è stata avviata l’istruttoria per la costituzione di un tavolo regionale per la definizione di una procedura di accesso ai reparti e alle strutture Covid da parte dei familiari delle persone ricoverateche versano in gravissime condizioni per l’accompagnamento nel fine vita.

La Regione Toscana, a partire dal lavoro in via di conclusione della Commissione regionale di bioetica e accogliendo la proposta dell’associazione “Tutto è vita onlus” sull’umanizzazione delle cure in piena pandemia, ha dato, infatti, il via libera per l’attivazione di un tavolo di lavoro in seno alla Commissione, che coinvolga oltre agli assessorati regionali alla sanità e al sociale, le associazioni impegnate sul fronte del fine vita e le direzioni sanitarie.

A seguito della notizia, interviene il vice sindaco di Arezzo e assessore al sociale Lucia Tanti.

"La Regione Toscana ha annunciato di volere istituire in seno alla Commissione regionale di bioetica e che dovrà occuparsi di un tema estremamente delicato ma che non possiamo sottacere: l’umanizzazione delle cure in piena pandemia e il desiderio delle famiglie di stare vicino ai loro cari, malati gravi di Covid, assistendoli nella fase finale della loro vita.

Il tema coinvolge aspetti che toccano le corde della sensibilità di tutti noi, cattolici e laici: per adesso l’organizzazione ospedaliera, giustamente, ha privilegiato aspetti legati alla tutela della salute pubblica e basti pensare ai percorsi e agli orari di visita, molto stringenti per gli stessi parenti, a prescindere dal reparto in cui si trova il ricoverato.

Questa idea del tavolo, totalmente condivisibile, lanciata peraltro da un’associazione e fatta propria dalla Regione, ci spinge a prendere in considerazione aspetti psicologici, che investono la formazione sociale, per usare un linguaggio costituzionale, più sacra: la famiglia. Il desiderio di un familiare sarà sempre quello di visitare il proprio caro, specialmente se la vita di quest’ultimo è a rischio e non possiamo trascurare il fatto che impedirglielo provoca disagio e dolore, sentimenti immateriali ma che possono avere conseguenze gravi per la stessa salute.

Credo che permettere una carezza a una mano o sulla testa di un proprio caro costretto in un letto di ospedale, sapendo che potrebbe essere una delle ultime volte che lo si fa, sia una scelta di umanità di cui la politica, con la P maiuscola, deve farsi carico, trovando il giusto contemperamento tra la necessaria sicurezza delle strutture sanitarie e questo gesto di amore che, non dimentichiamolo, è ‘curativo’ sia per chi lo riceve sia per chi lo compie. In questo percorso, Arezzo c’è.

Oltre al tavolo regionale per aprire un confronto su questo, chiedo a Regione Toscana di tenere in massima considerazione l’hospice della nostra città: un’eccellenza sanitaria e umana che, spesso, non ha trovato l’attenzione che merita. Bene quindi parlare del fine vita in tempo di Covid ma ciò non può che unirsi al necessario valore e riconoscimento di questa struttura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento