"Sollievo per 100 dipendenti", la Provincia di Siena rinuncia alla causa con Lfi. Ma resta quella con l'ente di Arezzo

L'annuncio di Maurizio Seri, presidente della partecipata che si occupa dei tratti ferroviari locali tra le province di Siena e Arezzo

Lfi Spa e Provincia di Siena hanno raggiunto un accordo per risolvere positivamente il contenzioso sulle quote azionarie possedute dall’Ente (pari al 4,16%) nella società che opera in parte delle province di Arezzo e Siena. L'annuncio arriva dall'azienda partecipata Lfi (La ferroviaria italiana) di Arezzo, che si occupa di alcune tratte ferroviare locali (come i collegamenti con la Valdichiana e il Casentino).

In paerticolre, l’accordo è stato comunicato dal presidente di Lfi Spa, Maurizio Seri, in una lettera trasmessa ai soci ieri, 24 ottobre 2019.

il contenzioso si è positivamente concluso, con un accordo che prevede la rinuncia della Provincia stessa a proseguire nel giudizio arbitrale, promosso tramite istanza al Presidente del Tribunale di Arezzo ed assegnato all’Arbitro unico.

Le parole del presidente di Lfi Maurizio Seri

Ringrazio il presidente della Provincia di Siena e le Amministrazioni comunali della Valdichiana senese – scrive nella lettera Seri – che, in un quadro normativo ed istituzionale quanto mai incerto per l’Ente Provincia, hanno ritenuto strategico ed utile deliberare a favore del mantenimento della partecipazione in una società come Lfi Spa che svolge un servizio di interesse generale come quello della gestione di reti ed impianti strumentali ai servizi di trasporto persone, oltre che il controllo di una società di Trasporto Pubblico Locale Ferroviario (Tft Spa). Ringrazio tutto il Cda di Lfi Spa ed in particolare i componenti dell’area senese, ovvero Giancarlo Pagliai e Elena Rosignoli, per la constante e proficua collaborazione sviluppata in questo fruttuoso dialogo”.

"Si chiude così una vicenda che aveva alimentato preoccupazioni e polemiche, oltre che a generare incertezza negli oltre 100 dipendenti del Gruppo Lfi Spa", aggiunge la nota di Lfi.

Purtroppo – aggiunge Seri – resta ad oggi aperto il contenzioso aperto dalla Provincia di Arezzo, anch’esso attivato sulla richiesta di recesso e liquidazione delle quote azionarie possedute in Lfi Spa e pari al 5,30%. La causa è tuttora pendente presso il Tribunale delle Imprese di Firenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il contenzioso con la Provincia di Arezzo

Il buon segnale arrivato dalla Provincia di Siena – conclude Seri – ci permette di auspicare che anche sul contenzioso aperto con la Provincia di Arezzo si possa addivenire ad un accordo per rassicurare in maniera definitiva i dipendenti. Ovviamente, nell’interesse comune, Lfi Spa è pronta fin da ora a discuterne i contenuti, prima della prossima udienza che è fissata per il 4 giugno 2020.

Il caso delle obbligazioni Mps

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento