Lunedì, 27 Settembre 2021
Attualità

Falcone e Borsellino negli atti del Csm. Legnini: "Un atto di assoluta trasparenza"

Le pubblicazioni degli atti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nei loro rapporti con il Consiglio Superiore della Magistratura sono stati consegnati alla città di Arezzo. Sono stati il vice presidente del Csm Giovanni Legnini e il primo...

Le pubblicazioni degli atti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nei loro rapporti con il Consiglio Superiore della Magistratura sono stati consegnati alla città di Arezzo. Sono stati il vice presidente del Csm Giovanni Legnini e il primo presidente della corte di cassazione Giovanni Canzio a consegnare alle autorità i due ampi volumi con i quali il Csm ha voluto pubblicare gli atti riferiti ai due grandi magistrati di mafia morti nelle stragi di Capaci e Via D'Amelio.

"E' un atto di grande trasparenza, pubblichiamo senza filtri - ha detto Legnigni - perché è giusto che tutti gli italiani, a distanza di 25 anni, conoscano cosa accadde in quegli anni così drammatici e così importanti per la storia del nostro paese."

E' stato il presidente della prima commissione, l'aretino Giuseppe Fanfani a volere questa cerimonia ad Arezzo mentre ricorrono i 25 anni dalle morti di Falcone e Borsellino. Nel suo discorso Fanfani ha voluto fare un richiamo forte ai rischi connessi al fenomeno della criminalità organizzata che si veste da borghesia ed entra in contatto con il mondo dell'economia e della politica.

"E' uno dei fenomeni che si sta sviluppando nelle zone a maggior tasso criminale - ha spiegato Fanfani - dove la malavita della seconda e terza generazione permea i gangli della società civile, e questo crea una contiguità che è sempre meno visibile, sempre più opaca e sempre più difficile combattere. Oggi abbiamo voluto fare un forte richiamo alla memoria ricordando anche l'intitolazione della piazza di fronte al tribunale di Arezzo a Falcone e Borsellino."

A ricevere i due volumi la presidente del tribunale Clelia Galantino, il procuratore capo di Arezzo Roberto Rossi, il presidente dell'ordine degli avvocati Piero Melani Graverini, la presidente della corte d'appello Margherita Cassano e il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli.

La fotogallery:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falcone e Borsellino negli atti del Csm. Legnini: "Un atto di assoluta trasparenza"

ArezzoNotizie è in caricamento