rotate-mobile
Attualità

Emergenza casa: triplicano gli sfratti forzati. 900 tra esecuzioni e richieste. I dati di Arezzo

Le cifre sono quelle elaborate dal sindacato Cgil Sunia e riguardano il 2022. "Siamo tornati ai livelli pre Covid - spiegano gli esperti - solo che la condizione sociale ed economica delle famiglie è peggiorata"

Le nuove convalide sono state 178, 546 è invece il numero delle richieste di esecuzione e 182 sono stati gli sfratti eseguiti con la forza pubblica. La fotografia è quella relativa alla provincia di Arezzo che, secondo i dati censiti da Cgil e Sunia, nel 2022 ha visto complessivamente un crescendo del fenomeno. In totale si parla di un incremento del 200 per cento sia delle richieste che per le esecuzioni forzate. Cifre impressionanti che restano tali pure nel contesto regionale dove la provincia è sesta per numero di casi.

"La recente ricerca dell’ufficio di statistica del ministero dell’Interno conferma la gravità della situazione dovuta alla perdita della abitazione - spiegano da Cgil e Sunia - A livello nazionale, nel 2022, sono stati emessi 42mila provvedimenti di sfratto (+9,4% rispetto al 2021) caratterizzato dal parziale blocco delle esecuzioni durante la pandemia. Oggi il fenomeno torna a livelli pre Covid con l'unica differenza che, a peggiorare è stata la condizione sociale ed economica degli italiani".

A livello nazionale emerge come siano i capoluoghi di regione i centri dove si registrano più sfratti (47,8% dei provvedimenti emessi) di cui l'80 per cento dovuti a morosità (+4,3 per cento). 3mila invece sono i casi in cui la rescissione del contratto è avvenuta per necessità del proprietario e oltre 5mila per finita locazione (rispettivamente +75 e +22 per cento).

I numeri della Toscana

In Toscana i nuovi provvedimenti convalidati nel 2022 sono stati 5.978 (+0.61%) mentre 15.026 sono quelli in attesa di esecuzione forzosa. "Ben 2.877 sono state le famiglie messe in strada con l’intervento della forza pubblica - aggiungono dai sindacati - È pure giusto ricordare che delle 55mila domande presentate da altrettanti affittuari per l'ottenimento di un alloggio di edilizia popolare solo il 10 per cento di essi trova soddisfazione".

Il quadro provinciale

Il dato nuovo che emerge dall’analisi dei dati del 2022 è che l’alto numero di sfratti non si localizza solo nelle città capoluogo, ma si estende a molti comuni delle province. "Le stesse aree - spiegano ancora dalla Cgil - dove la crisi economica e il numero di licenziamenti e cassa integrazione si sono fatti sentire con maggiore drammaticità".

Firenze e provincia, "medaglia d’oro" dell’emergenza abitativa, con 896 nuove convalide di sfratto, 3.120 richieste di esecuzione (275% in più rispetto al 2021), 705 sfratti già eseguiti con forza pubblica (340,06% in più rispetto al 2021).

Pisa e provincia, medaglia d’argento dell’emergenza abitativa, con 262 nuove convalide di sfratto, 1.276 richieste di esecuzione (94,8% in più rispetto al 2021), 274 sfratti già eseguiti con forza pubblica (7,5% in più rispetto al 2021).

Prato e provincia, medaglia di bronzo dell’emergenza abitativa., con 230 nuove convalide di sfratto, 883 richieste di esecuzione (181,2% in più rispetto al 2021), 299 sfratti già eseguiti con forza pubblica (205,01% in più rispetto al 2021).

Segue al 4° posto Pistoia, con 229 nuove convalide di sfratto, 778 richieste di esecuzione (289% in più rispetto al 2021), 271 sfratti già eseguiti con forza pubblica (208% in più rispetto al 2021).

Al 5° posto troviamo Livorno, con 262 nuove convalide di sfratto, 425 richieste di esecuzione (197% in più rispetto al 2021), 176 sfratti già eseguiti con forza pubblica (188,5% in più rispetto al 2021).

Al 6° posto Arezzo e provincia, con 178 nuove convalide di sfratto, 546 richieste di esecuzione (+203,3% rispetto al 2021), 182 sfratti già eseguiti con forza pubblica (+208,5% in più rispetto al 2021 quando se ne sono registrati 59).

Al 7° posto Lucca, con 211 nuove convalide di sfratto, 435 richieste di esecuzione (106,2% in più rispetto al 2021), 252 sfratti già eseguiti con forza pubblica (103,02% in più rispetto al 2021).

All’8° posto Grosseto con 160 nuove convalide di sfratto, 434 richieste di esecuzione (261,7% in più rispetto al 2021), 138 sfratti già eseguiti con forza pubblica (273% in più rispetto al 2021).

Al 9° posto Massa Carrara, con 165 nuove convalide di sfratto, 369 richieste di esecuzione (405,5% in più rispetto al 2021), 83 sfratti già eseguiti con forza pubblica (245,8% in più rispetto al 2021).

Ultima Siena, con 140 nuove convalide di sfratto, 338 richieste di esecuzione (148,5% in più rispetto al 2021), 110 sfratti già eseguiti con forza pubblica (161,9% in più rispetto al 2021).

Dal sindacato

"Comuni che fino a oggi non conoscevano se non marginalmente la questione della emergenza abitativa, si trovano a dover fare i conti con questo tipo di emergenza, con strumenti del tutto insufficienti e inadeguati. La ragione principale di questa diffusione sta nell’aggravarsi dello stato di precarietà lavorativa ed economica delle famiglie toscane in affitto, insieme alla difficoltà di canoni ancora troppo alti rispetto alle sempre più scarsa capacità di reddito (media incidenza canone affitto reddito 47%) e al grande problema legato al fenomeno degli affitti turistici. La necessità di una politica sulla casa, che agisca a tutti i livelli istituzionali, è un'ineludibile necessità. Il Governo deve: rifinanziare il fondo di sostegno all’affitto e quello per morosità incolpevole; creare un piano di aumento dell’offerta di alloggi di edilizia pubblica e incrementare il patrimonio di almeno 600mila unità; realizzare residenze universitarie pubbliche; operare una revisione della legge sulle locazioni che punti ad abbassare il livello degli affitti privati e ad aumentare l’offerta; prevedere una dotazione finanziaria certa e continuativa per permettere programmazione degli interventi e sostegno diretto agli inquilini in difficoltà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza casa: triplicano gli sfratti forzati. 900 tra esecuzioni e richieste. I dati di Arezzo

ArezzoNotizie è in caricamento