Ecomafie, inversione di rotta: più repressione e meno reati. Le infrazioni e le denunce ad Arezzo

Calano i reati ambientali e aumenta il numero degli arresti: sono queste le due tendenze che balzano agli occhi dal rapporto Ecomafie, stilato come ogni anno da Legambiente. Tendenze che raccontano come dal 2015 - in virtù dell'approvazione della...

rifiuti_meridiana

Calano i reati ambientali e aumenta il numero degli arresti: sono queste le due tendenze che balzano agli occhi dal rapporto Ecomafie, stilato come ogni anno da Legambiente.

Tendenze che raccontano come dal 2015 - in virtù dell'approvazione della legge sugli

ecoreati - si stia verificando un'inversione di rotta e i primi frutti di queste nuove azioni repressive iniziano a farsi vedere.

In Italia nel 2015 sono stati accertati 27.745 reati ambientali e portati a termine 188 arresti. E ancora: 24.623 le persone denunciate e 7.055 i sequestri Ma cosa succede in Toscana? Sono due i capitoli più dettagliati e riguardano il "Cemento" e i "Rifiuti".

Nel primo caso in

Cemento

Per quanto riguarda il ciclo del cemento, le infrazioni accertate a livello regionale sono state in tutto 342, ben 412 le denunce e 106 i sequestri. In nessun caso si è arrivati a far scattare delle manette. .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella "classifica" regionale, Arezzo è quinta, con 22 infrazioni, 4 denunce e 3 sequestri. Prima, per maggior numero di reati è Firenze. La più virtuosa invece appare Pistoia, con tre sole infrazioni accertate. Il numero maggiore di arresti però si è avuto a Livorno (47 arresti a fronte di 82 infrazioni) e Massa Carrara (30 arresti a fronte di 35 infrazioni).

cemento tabella Rifiuti Segue poi il ciclo dei rifiuti. Anche in questo caso in Toscana non si sono avuti arresti, ma sono state accertate ben 357 infrazioni, inoltrate 434 denunce e portati a termine 71 sequestri. Nella graduatoria regionale, Arezzo si piazza al 3° posto: 40 infrazioni, 33 denunce, 15 sequestri gli hanno garantito il poco ambito bronzo. Numeri che sfiorano l'1 per cento dei reati nazionali. Prima in questo caso è Prato, con 70 infrazioni, città virtuosa Massa Carrara, con sole 8 infrazioni. rifiuti tabella

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento