Attualità

Ecco le associazioni vincitrici dei due bandi su integrazione pari opportunità

Le associazioni vincitrici sono: Acb social inclusion, Donne insieme, Orchestra multietnica, Thevenin. In conferenza stampa sono state rappresentate rispettivamente da Paola Miraglia, Bruna Cantaluppi, Luca “Roccia” Baldini, Sandro Sarri

Anche nel 2023, l’azione dell’assessorato all’integrazione e alle pari opportunità è stata orientata a rafforzare le politiche volte all’inclusione e al contrasto della violenza di genere, attraverso due bandi finalizzati a erogare risorse alle associazioni locali. Una grande partecipazione ha caratterizzato la mattinata in Sala Rosa dove l’assessore Giovanna Carlettini ha voluto dare il giusto riconoscimento ai progetti vincitori.

“Il bando destinato alle politiche d’integrazione è già in corso di esecuzione – ha sottolineato l’assessore – perché lo abbiamo concepito per dare risposte proprio in questo periodo alle persone e alle famiglie che vivono nel territorio. La partecipazione si è rivelata proficua, con progetti strutturati e articolati che hanno soddisfatto i requisiti richiesti”.

Le associazioni vincitrici sono: Acb social inclusion, Donne insieme, Orchestra multietnica, Thevenin. In conferenza stampa sono state rappresentate rispettivamente da Paola Miraglia, Bruna Cantaluppi, Luca “Roccia” Baldini, Sandro Sarri.

“Con il secondo bando – ha proseguito – seguiamo la scia oramai consolidata delle politiche sulla parità di genere che abbiamo sostenuto in questi anni, dirette in particolare al contrasto della violenza sulle donne. Purtroppo, la cronaca quotidiana ci ricorda la necessità di diffondere, soprattutto tra i giovani, un’educazione mirata alla ‘sana’ emotività, una sfida da vincere con forza, coraggio e costanza. I rapporti sentimentali non sono il terreno della prevaricazione, del conflitto rabbioso e della mancanza di controllo ma uno spazio di positiva relazione”.

Le associazioni vincitrici in questo caso sono: Pronto donna, Csi Centro sportivo italiano, Acli patronato. I loro progetti si svolgeranno tra il primo settembre e il 31 dicembre e durante la conferenza stampa ne hanno parlato rispettivamente Elisa Serafini, Lorenzo Bernardini, Valentina Matteini.

 “Credo che il Comune – ha concluso Carlettini – debba confidare nel contributo del privato sociale e del terzo settore per costruire reti a beneficio dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco le associazioni vincitrici dei due bandi su integrazione pari opportunità
ArezzoNotizie è in caricamento