E45, la proposta: "Basta Anas, per risolvere i problemi va affidata la gestione agli enti locali"

"E’ sotto gli occhi di tutti che Anas non è in grado di gestire la E45 come dimostrano anche le inchieste della magistratura aretina, pertanto occorre cambiare e affidare la gestione dell’arteria, almeno per il tratto appenninico tra Città di...

E45-galleria-madonnuccia

"E’ sotto gli occhi di tutti che Anas non è in grado di gestire la E45 come dimostrano anche le inchieste della magistratura aretina, pertanto occorre cambiare e affidare la gestione dell’arteria, almeno per il tratto appenninico tra Città di Castello e Cesena, ad un consorzio composto dalle regioni e dalle province interessate in modo simile a quanto fatto nei primi anni 2000 per la strada di grande comunicazione Fi/Pi/Li in Toscana".

L'idea arriva da un consigliere comunale di Citerna, Gianluca Cirignoni, che dopo l'annuncio dell'esposto alla procura di Arezzo per accertare le modalità dell'assegnazione e dell'esecuzione dei lavori sulla Orte Ravenna, lancia una proposta alle amministrazioni di Umbria, Toscana ed Emilia Romagna e in particolare alle Province di Arezzo, Perugia e Forlì.

Lo spunto arriva direttamente dalla Firenze Pisa Livorno, dove da tempo c'è stato un passaggio di competenze e dove "Le cose funzionano, senza buche e addirittura con una app che segnala eventuali ostacoli o situazioni critiche", afferma Cirignoni.

Ma cosa è stato fatto nella "Fi-Pi-Li". Nel 2003 l'arteria fu ceduta dall'ANAS alla Regione Toscana. "Il 22 marzo 2002 - scrive il consigliere umbro - fu sottoscritta una convenzione tra la Regione Toscana, le Province di Firenze, Pisa e Livorno riguardante il trasferimento di alcuni poteri decisionali sulla FI-PI-LI (funzioni di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, pronto intervento e le funzioni amministrative) alla Provincia di Firenze, mentre a ciascuna provincia interessata dal tracciato della FI-PI-LI spetta invece la progettazione e la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza".

L'obiettivo sarebbe quello di "passare la gestione della strada da un amministrazione inefficiente agli enti locali che, essendo controllati dai cittadini attraverso il voto, contribuiranno al miglioramento delle condizioni della strada come accaduto per la sgc FI/PI/LI ".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
La proposta è lanciata, adesso è da capire se qualcuno risponderà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento