E' Giornata Mondiale del Rifugiato. Gli appuntamenti ad Arezzo, Bibbiena e Bucine

Ad Arezzo si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato. I prossimi 17, 18 e 19 giugno saranno tre giorni per un’occasione: riflettere sui temi come il diritto di asilo, le esperienze territoriali di accoglienza dei progetti Sprar e la condizione...

Ad Arezzo si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato. I prossimi 17, 18 e 19 giugno saranno tre giorni per un’occasione: riflettere sui temi come il diritto di asilo, le esperienze territoriali di accoglienza dei progetti Sprar e la condizione di richiedenti e titolari di protezione internazionale, nonché le loro storie, per una nuova narrazione dell’accoglienza, lontana da luoghi comuni e dagli stereotipi. Gli eventi della Giornata avranno inizio Venerdì 17 Giugno, a partire dalle 9.30, alla Casa delle Culture di Arezzo, con un dibattito dal titolo “La tutela giuridica dei richiedenti protezione internazionale: tra cambiamenti normativi e scenari internazionali”, durante il quale interverranno illustri ospiti di UNHCR (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati), ASGI (Associazione studi giuridici sull'immigrazione),Servizio Centrale Sprar, di Anci con Matteo Biffoni e dal Ministero degli Interni, con il dottor Mario Morcone.

Sarà l’occasione per analizzare le politiche europee e nazionali, superando gli scenari locali e dando al fenomeno migratorio una cornice più ampia: il 2016 è stato un anno segnato da importanti cambiamenti nella tutela e nell’accoglienza dei richiedenti protezione internazionale. Sono stati numerosi i cambiamenti a livello nazionale e comunitario per rispondere all’esodo di migranti. Le risposte adottate non sempre hanno tenuto adeguatamente a riguardo i diritti dei richiedenti protezione, arrivando a stabilire regole e procedure sulla cui legittimità possono porsi alcune riserve. Ad esempio, l’introduzione degli hotspot, creati con l’intento di distinguere i migranti economici dagli aventi diritto alla protezione internazionale, ha portato al verificarsi di sistematici respingimenti, decisi sulla base della nazionalità dei richiedenti, senza che si procedesse a una reale analisi delle storie individuali di quei soggetti. Soggetti che, in fuga da persecuzioni o da zone di guerra, rischiano oggi di vedersi respingere verso quegli stessi Paesi da cui fuggono o verso altri Stati che l’Unione ritiene possano considerarsi sicuri come è avvenuto attraverso la formalizzazione dell’accordo di presa in carico dei migranti siglato con la Turchia.

Ma gli appuntamenti continueranno in tutta la provincia, dove sono stati organizzati diversi momenti d’incontro e aggregazione, che coinvolgono luoghi e soggetti diversi, in modo da promuovere sempre di più iniziative di informazione e conoscenza sul tema delle migrazioni.

Sabato 18 e Domenica 19, infatti, sono previste iniziative a Bibbiena e Bucine con eventi ricreativi e la Presentazione dell'Atlante delle Guerre e dei Conflitti. Sabato, a Bibbiena, al Circolo Arci Bocciofila Bibbienese, dove a partire dalle 17,00 andrà di scena la presentazione dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti, report annuale sulla situazione di crisi nello scenario internazionale e dove verranno presentati i progetti di accoglienza in Casentino. A seguire, uno spettacolo teatrale di della Compagnia Nata, dal titolo “Carta di Lampedusa” e un aperitivo multietnico. Mentre domenica 19, a Bucine, presso il Circolo Arci “Circolo Bucine”, sempre a partire dalle 17,00, altri momenti di sensibilizzazione e di conoscenza di culture e storie dei rifugiati, tanto diverse, quanto ormai vicine alla nostra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Giornata Mondiale del Rifugiato è stata istituita in occasione del cinquantennale della Convenzione di Ginevra che, siglata nel 1951, ha definito lo status di rifugiato. Nel 2001 l’Organizzazione per l’Unità Africana (OUA) ha accettato che la giornata mondiale coincidesse con quella africana, stabilita per il 20 di giugno. Da allora in tutto il mondo sono cresciute sempre più le occasioni per celebrare questa ricorrenza e oggi sono decine e decine le iniziative territoriali realizzate anche in Italia.

La Giornata Mondiale del Rifugiato, nel territorio provinciale è promosso da Arci, Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo come Ente Capofila del Progetto SPRAR (Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati) , e numerose collaborazioni si soggetti del territorio, Comune di Bibbiena, Oxfam Italia, Cooperativa “L’Albero del Pane” e Associazione Tahoma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento