Attualità

Due ore "prigionieri" a bordo del treno regionale per Firenze. Il racconto di un pendolare

Due ore intrappolati all'interno del regionale 6714. E' il deprimente destino che è toccato questa mattina a decine di pendolari partiti dalla stazione di Arezzo a bordo del convoglio diretto a Firenze Santa Maria Novella. Qui sarebbero dovuto...

treni-ritardo-stazione

Due ore intrappolati all'interno del regionale 6714.

E' il deprimente destino che è toccato questa mattina a decine di pendolari partiti dalla stazione di Arezzo a bordo del convoglio diretto a Firenze Santa Maria Novella.

Qui sarebbero dovuto arrivare alle 10,52 ma l'orario non è stato minimamente rispettato.

"Arrivati alla stazione di Laterina (Montalto) - racconto un pendolare aretino che si è ritrovato protagonista della vicenda - il treno si è fermato. Una sosta che è andata avanti per un'ora e trenta minuti circa. Fermi. Immobili. Senza andare né avanti né indietro. E soprattutto senza ricevere alcuna spiegazione sul perché. C'è chi ha ipotizzato un gusto, chi invece ha parlato di problematiche dovute allo sciopero regionale del personale addetto alla manutenzione. Insomma, di fatto siamo rimasti intrappolati all'interno dei vagoni aspettando di poter raggiungere la destinazione".

Alla fine il treno si è mosso e, percorrendo la linea lenta (così come previsto) ha raggiunto la stazione di Santa Maria Novella.

Ma a che ore?

"Alle 12,20 siamo giunti a Firenze - prosegue ancora l'aretino - Appena arrivati abbiamo notato che ad essere in tilt era tutto il traffico ferroviario locale perché ovviamente l'interminabile sosta del Regionale ha avuto un effetto a catena. Personalmente ho dovuto mancare una importate riunione di lavoro e come me, altre persone, hanno dovuto rivedere i propri impegni perché arrivati troppo in ritardo. Una situazione allucinante che sta diventando davvero inaccettabile. Da pendolare mi preme sottolineare che come non sia possibile usufruire di un servizio così inaffidabile. Soltanto la settimana scorsa - conclude - il treno in partenza dalla stazione di Arezzo alle 9,53 (e in arrivo alle 10,57) ha registrato 50 minuti di ritardo. Credo che sia inutile aggiungere altro".

Un'altra storia di disservizio che si aggiunge alle centinaia che nell'arco del tempo riguardano i tanti pendolari che quotidianamente utilizzano i treni in transito lungo il tratto aretino. Di seguito l'ultimo post pubblicato dal Comitato Pendolari di Arezzo e riferito a questa mattina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due ore "prigionieri" a bordo del treno regionale per Firenze. Il racconto di un pendolare

ArezzoNotizie è in caricamento