Natale in casa: zona rossa e arancione dal 24 dicembre al 6 gennaio. Le regole per vedere amici e parenti

Conferenza stampa del presidente al termine del Consiglio dei Ministri. Le regole da seguire a partire dalla vigilia di Natale con le nuove limitazioni

 

Al termine del Consiglio dei Ministri odierno, ecco la conferenza stampa del presidente Giuseppe Conte che illustra le regole da seguire dal 24 dicembre al 6 gennaio con le nuove limitazioni per contrastare la diffusione del Covid. L'annuncio arriva nel giorno in cui la Toscana ha ricevuto il via libera dal ministro della Salute Roberto Speranza per tornare in zona gialla da domenica prossima 20 dicembre. In sintesi: ci saranno dieci giorni di zona rossa (24,25,26,27 e 31 dicembre e 1,2,3, 5 e 6 gennaio) con molti negozi chiusi, oltre ai bar e ristoranti e l'impossibilità di uscire da casa se on per necessità, salute e lavoro, e quattro in zona arancione (28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio) in tutta Italia, con l'impossibilità di uscire dal proprio comune. Nelle giornate rosse si potrà andare in coppia (più eventuali figli under 14 e/o persone disabili) a trovare amici o parenti a casa. Dal 21 dicembre al 6 gennaio, inoltre, è vietato uscire fuori dalla Regione.

132002614_410517933336202_9036312822843688169_n-2

LA CRONACA

Ore 22,01 - Conte poi annuncia il decreto ristori con 645 milioni pronti per bar e ristoranti costretti a chiudere. Il presidente del Consiglio inoltre fa sapere il giorno in cui inizeranno le vaccinazioni: il 27 dicembre.

Ore 21,56 - Gli altri giorni, ovvero 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio vige la zona arancione. Si può uscire di casa senza autocertificazione, ma solo nel proprio comune. Gli abitanti dei comuni più piccoli sotto i 5mila abitanti possono spostarsi fuori comune entro un raggio di 30 chilometri, ma non potranno andare nei capoluoghi di provincia.

Ore 21,54 - Zona rossa dal 24 dicembre al 6 gennaio nei festivi e prefestivi (24,25,26,27 e 31 dicembre e 1,2,3, 5 e 6 gennaio): si esce di casa solo per necessità, lavoro e salute. E' consentita attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportive. Restano aperti supermercati, edicole, parrucchieri, tabacchi, lavanderie, farmacie, parafarmacie, alimentari, barbieri. In questi giorni si può far visita una volta al giorno a parenti e amici al massimo in coppia (più figli minori oppure persone disabili, che sono esclusi dal conteggio), dalle 5 alle 22.

Ore 21,53 - Conte annuncia le restrizioni: "Si è svolto un consiglio dei Ministri, al termine del quale è stato fatto un decreto, quindi non un dpcm".

Ore 21,51 - E' iniziata la conferenza stampa.

Ore 21,36 - L'orario di inizio della conferenza dovrebbe essere 21,45. Occorre pazientare ancora qualche minuto. 

Ore 21,00 - A 50 minuti dall'annuncio della conferenza, ancora il presidente del Consiglio non ha iniziato a parlare.

Ore 20,39 - Si attende l'inizio della diretta facebook del premier.

Ore 20,18 - "Si è appena concluso il Consiglio dei Ministri. Fra poco conferenza stampa in diretta da Palazzo Chigi". L'annuncio del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento