menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sacchi a pelo per i senza tetto", aspettando il dormitorio parte la raccolta della Fraternità Bindi

L'associazione lancia un appello tramite Facebook: "Si cercano anche volontari per San Domenico"

Mentre dal Comune arriva l'annuncio dell'apertura anticipata del dormitorio, il mondo del volontariato si è già messo in moto. Con un post  rivolto a tutti gli aretini, la Fraternità Federico Bindi lancia un doppio appello su Facebook. Da un lato dà il via ad una raccolta di sacchi a pelo e materassini da consegnare a chi, aspettando il dormitorio (18 novembre), non ha un tetto sotto al quale rifugiarsi. Dall'altro cerca volontari e raccoglie fondi per sostenere la struttura che sarà allestita a "San Domenico" e gestita dalla Caritas. 

"Abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti i cittadini di buona volontà - si legge in un post dell'associazione che ogni anno è in prima linea nell'affrontare le situazioni più delicate - , con il servizio di volontariato notturno e di pulizie diurne, oppure sostenendo le spese di organizzazione, che sono a carico della Caritas".

Dormitorio, apertura anticipata di quasi un mese

Un appello al quale fa seguito l'invito a partecipare ad un incontro informativo:

"Chi volesse saperne di più e offrire il proprio contributo, può partecipare venerdì 25 ottobre alle ore 21, presso la chiesa di Santa Croce ad Arezzo, per un incontro con la Caritas".

Nel frattempo, la raccolta di sacchi a pelo e materassini per chi, in attesa della riapertura del dormitorio, non ha un tetto dove trovare rifugio, si fa urgente.

Un’altra possibilità per aiutare chi è senza dimora è quella, in attesa della riapertura del dormitorio, di donare sacchi a pelo e materassini isolanti, che consegneremo a chi non ha un alloggio.
La riapertura del dormitorio è un servizio di base di dignità umana e di decoro, essenziale per evitare, a chi non ha casa, di dormire in situazioni di fortuna e di pericolo per se stessi (case abbandonate, vagoni ferroviari, portici…).
La nostra associazione gestisce due case in cui coabitano ex senza dimora, ma non sono evidentemente sufficienti o adeguate per accogliere tutti i bisogni del nostro territorio.

Un anno fa la tragedia: Dragan, morto su una grata a 43 anni

Quest'anno la Fraternità Bindi ha deciso di sostenere il dormitorio promuovendo anche una sottoscrizione con la causale "Dormitorio per senzatetto", che verrà interamente devoluta alla Caritas di Arezzo.

 Il C/C presso il Monte dei Paschi di Siena ha il seguente IBAN: IT80X0103014100000004106018

Date e modalità di accoglienza

Il dormitorio di piazza San Domenico aprirà le porte lunedì 18 novembre fino al 4 aprile 2020. L’accoglienza per i non residenti ad Arezzo è divisa in due filoni: chi ha una storicità di rapporti con la città, avrà accesso alle dimore invernali nei locali gestiti da Caritas a partire dal 18 novembre. Chi è solo di transito ad Arezzo, potrà usufruire di un pass di accesso al dormitorio valido per quindici giorni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Zecchino d’Oro: aperti i casting online per la Toscana

  • Gossip Style

    Estate 2021, la moda delle perline colorate

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento