menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il grande cuore degli aretini. Respiratori polmonari e regali per i degenti: tre donazioni in un giorno

Le strumentazioni sono state fornite all'ospedale San Donato di Arezzo e a quello del Casentino

Continua a crescere l’affetto e l’attenzione della comunità aretina verso gli ospedali e operatori sanitari. Soltanto nella giornata di oggi, venerdì 18 dicembre, si sono svolte tre differenti cerimonie che hanno riguardato il San Donato e l'ospedale del Casentino. Ad Arezzo l’associazione volontari ospedalieri (Avo), che conta su ben 110 iscritti e ha fortemente voluto mantenere la tradizione di regali natalizi ai pazienti. “Non potendo accedere ai reparti - ha dichiarato la presidente Avo Arezzo Annalucia Trioani - abbiamo deciso di regalare degli oggetti che possano comunque essere utili ai pazienti e allietare la loro degenza. Abbiamo optato per 300 tovagline lavorate a mano e prodotte ad Arezzo. Un oggetto molto utile per tutti i reparti e che potrà essere riutilizzato tranquillamente dopo il lavaggio essendo di materiale naturale di prima scelta”. Presente alla cerimonia la direttrice dell’ospedale Barbara Innocenti e altri colleghi e operatori del San Donato.

I reparti di malattie infettive e pneumologia aretini sono stati i destinatari della seconda donazione: quattro ventilatori polmonari biosfera prodotti dall’azienda aretina Seco. A regalare le strumentazioni sono state alcune aziende del territorio tra cui Leather Group spa e realtà di Monte San Savino quali La Salumeria, Italcatene spa, Italfinest srl, Tecnomet srl, Oleificio Morettini, Ferramenta Paci e Carini Serramenti. “È una donazione di grande significato ed utilità - hanno dichiarato Danilo Tacconi e Raffaele Scala primari di malattie infettive e pneumologia - Questa è una fase molto delicata e l’attenzione di tutti non deve venire meno. Ci attendono settimane e mesi  molto complicati e dobbiamo sempre migliorare le cure e le nostre capacità di rispondere ai bisogni dei nostri pazienti. Questi ventilatori sono dotati di tecnologie molto avanzate e duttili e saranno messi in funzione immediatamente”.

All'ospedale del Casentino è stato consegnato un ventilatore polmonare biosfera della Seco portatile e adatto al pronto soccorso. La donazione è arrivata dal Centro Ricreativo di Bibbiena, da Annalisa Baracchi e dalla Capilavori a Tavola di Simone Fracassi. Alla cerimonia erano presenti Massimo Bianchi e Vera Ceccolini, rispettivamente responsabile e coordinatrice del pronto soccorso, Claudio Camillini, la signora Baracchi Annalisa e Simone Fracassi rappresentante della Protezione Civile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lampi e tuoni, come calcolare la distanza di un temporale

social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento