Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Don Vezio va in "pensione", lo spettacolare (e commovente) saluto del mondo della Giostra

Dopo 40 anni alla guida della parrocchia della Badia, il parroco 91enne ha lasciato il testimone a padre Francesco Bartolucci. Ecco il commovente saluto di quartieri, Musici e Sbandieratori

 

Sono passati quasi 40 anni da quando don Vezio Soldani approdò alla parrocchia della Badia delle Sante Flora e Lucilla. Da allora si è preso cura di generazioni di aretini. Ma adesso, all'età di 91 anni compiuti, è giunto il momento di congedarsi. Il parroco lascia infatti il testimone a padre Francesco Bertolucci.

Il saluto a questa parrocchia che si trova proprio nel cuore di Arezzo è avvenuto questa mattina. E non potevano mancare i quartieri della Giostra: perché proprio piazza della Badia è lo storico luogo di raduno dei figuranti in occasione della cerimonia dell'estrazione delle carriere. Uno speciale omaggio, su iniziativa dell'assessore Gianfrancesco Gamurrini, è stato perciò riservato al parroco: i valletti comunali, i quattro Quartieri con i loro vessilli e rettori, i Musici e gli Sbandieratori hanno salutato l’anziano sacerdote con un suggestivo spettacolo di musiche e bandiere dinanzi alla chiesa. Don Vezio ha assistito visibilmente commosso e ha ringraziato tutti di cuore.

Chi è don Vezio

Don Vezio è stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1951.  Valdarnese di origine, poi in servizio a Castiglion Fiorentino e in Casentino, a Poppi, poi è stato nominato parroco alla Badia nel 1980. Nel maggio del 2018 per i suoi novant’anni, grazie a Domenico Giani allora capo della Gendarmeria Vaticana, fu ricevuto in udienza privata prima dal papa emerito Benedetto XVI poi aveva concelebrato Messa con Papa Francesco a Santa Marta. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento