menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Don Foresto Bagiardi diventa monsignore: "Un premio per una vita al servizio della comunità"

L'amministrazione comunale si è congratulata sentitamente con il parroco per il bellissimo traguardo raggiunto

Una comunità unita attorno allo storico parroco. Don Foresto Bagiardi ieri è stato festeggiato per il suo 65esimo di sacerdozio (fu ordinato a Fiesole il 27 giugno 1954) a Santa Barbara insieme ai cittadini delle parrocchie di Meleto, Santa Barbara e San Cipriano e circondato da familiari ed amici. Molto intensa e ricca di emozioni la giornata.

Alle 10.30 si è tenuta la celebrazione del corpus domini nella chiesa di Santa Barbara e poi alle 13 il pranzo celebrativo nei locali dell'ex circolo Acli a San Cipriano.

All'evento era presente il vescovo di Fiesole Mario Meini che per l'occasione ha insignito don Foresto per tale ricorrenza del titolo di “monsignore” e “canonico della cattedrale di Fiesole”, onorificenza molto importante in ambito ecclesiastico.

Don Foresto durante il suo intervento ha ricordato, come riportò anche nel libro di memorie scritto nel 2015 e pubblicato dal servizio editoriale fiesolano, il suo arrivo nel 1962 a Cavriglia, con la chiesa stracolma a San Cipriano e pochi mesi dopo la costruzione del nuovo luogo di culto a Santa Barbara, la nascita della Caritas parrocchiale nel 1968, il primo ingresso in seminario di un giovane parrocchiano nel 1973 e molte altre memorie di una vita trascorsa appunto nella disponibilità personale in difesa dei più deboli.

Una giornata storica per un uomo che nel corso del tempo è divenuto una colonna fondamentale per la nostra comunità. L'amministrazione comunale si è congratulata sentitamente con il parroco per il bellissimo traguardo raggiunto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento