Attualità

Domenico Giani presidente della Confederazione Misericordie d’Italia: "Gettiamo le basi per un rinnovato percorso"

A Firenze si è svolta la cerimonia di insediamento del nuovo presidente e del consiglio

Si è svolto al seminario arcivescovile di Firenze il primo consiglio nazionale della nuova legislatura della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia. Nell’occasione è stato ufficializzato l’insediamento del presidente e degli organi confederali. Spetterà all’aretino Domenico Giani, ex capo della Gendarmeria Vaticana, guidare la Confederazione nei prossimi anni. Al suo fianco, oltre al correttore nazionale monsignor Franco Agostinelli di nomina ecclesiastica, ci sono Ugo Bellini vicepresidente (Misericordia San Giovanni la Punta); Aldo Intaschi tesoriere (Misericordia Camaiore e Lido); Gabriele Brunini (Misericordia Borgo a Mozzano); Ilaria Signori (Misericordia Agliana); Cristiano Biancalani (Misericordia Campi Bisenzio); Elio Di Leo (Misericordia Arese) e Maria Michela Acampora segretario del consiglio nazionale (Misericordia Pompei).

All’inizio dei lavori è stato letto il messaggio che Papa Francesco ha inviato rinnovando l’apprezzamento per la generosa opera portata avanti da tutto il movimento delle Misericordie. Giani nel suo intervento ha ringraziato chi lo ha preceduto nella carica di presidente ed anche il correttore nazionale Agostinelli. Il presidente ha, inoltre, delineato i principi che saranno portati avanti durante il suo mandato. “Vorrei fare una sintesi e gettare le basi per un rinnovato percorso – ha detto Giani – più rispondente alla realtà di oggi, alle nuove sfide che si presentano, soprattutto all’allarmante crescita del bisogno di aiuto di una sempre più folta popolazione di emarginati, di anziani. Insieme a voi, e dunque con l’aiuto e la leale collaborazione di tutti, spero di riuscire nell’intento di traghettare il movimento verso un futuro più dinamico, con un volto rinnovato, a cominciare da quello dei prossimi consigli nazionali. Questo nell’unico intento di avere la possibilità di attingere costantemente ad energie nuove, nell’ottica di un servizio ecclesiale e sociale sempre più operoso e vicino alla realtà di un mondo che muta aspetto generazionale con una velocità prima d’ora impensabile”.

APRE-2-2-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domenico Giani presidente della Confederazione Misericordie d’Italia: "Gettiamo le basi per un rinnovato percorso"

ArezzoNotizie è in caricamento