Diamo una sbirciata in casa del sindaco di Monte San Savino

Il “caso” di Monte San Savino è molto semplice. Madre (il sindaco Margherita Scarpellini) e figlia hanno uno scontro perché la seconda è fidanzata con un migrante e la prima non approva. Le ragioni vengono esternate prima dalla figlia con una...

scarpellini_margherita

Il “caso” di Monte San Savino è molto semplice. Madre (il sindaco Margherita Scarpellini) e figlia hanno uno scontro perché la seconda è fidanzata con un migrante e la prima non approva. Le ragioni vengono esternate prima dalla figlia con una lettera inviata al blog di Concita De Gregorio su La Repubblica (pubblicata e poi rimossa) e poi dalla madre in un comunicato stampa inviato ieri. Una vicenda strettamente privata che sale sulla pubblica ribalta. Perché? Scarpellini è personaggio pubblico. Nelle sue parole e nei suoi atteggiamenti non si rintraccia alcunché di penalmente rilevante imputabile a un amministratore pubblico, ma, osserva Cristiano Romani del Movimento Sovranista di Arezzo (quello di Storace, per intendersi), verrebbe a galla un atteggiamento ipocrita del primo cittadino, con la doppia morale “accoglienza sì” politica/ “accoglienza no” privata. Insinna, che pure politico non è ma è personaggio pubblico, ha pagato a caro prezzo uno scivolone politically uncorrect privato che qualcuno ha catturato e dato in pasto a tutti. Quel suo sfogo contro una disabile è diventato virale, tanto da assurgere al rango di “notizia impossibile da non dare".

Questa la sintesi della vicenda savinese; il dettaglio con la lettera, chi vuole, altrove lo trova. A mio modesto parere non so quanto il contenuto della missiva della figlia sia rilevante (oltretutto su Repubblica non c’è più): evidentemente c’è stato uno scontro familiare, i reali contorni non si possono sapere, se non avendo assistito al confronto. Cosa resta? Un tackle politico (ma oggi si gioca anche così) e un piccolo squarcio in una vicenda familiare attraverso cui tutti possono sbirciare. Magari, per chi se la sente, tirando fuori una moralità superiore e agitando sdegno tramite social. Ma una controindicazione c’è, in effetti. Sui social ci siamo tutti, il confine pubblico/privato sta evaporando. E io sono sempre stato irreprensibile? Legalmente, moralmente? Ho mai messo l'auto in un posteggio per disabili? Ho bestemmiato? Sbroccando, ho dato a qualcuna della zoccola? E non ho mai fatto grevi battute sui gay? E commenti razzisti? Oggi a me, domani a te.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

@MattiaCialini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento