Detenuti stranieri: l’università di Arezzo entra nelle carceri toscane e umbre

L’amministrazione penitenziaria del Provveditorato Toscana Umbria ha co-progettato il percorso formativo, consapevole dell’importanza strategica della conoscenza delle culture altre che oggi sono presenti nei circuiti penitenziari

Con il progetto “Forward - Formazione, ricerca e sviluppo di strategie community based per prevenire la radicalizzazione e supportare l’integrazione”, il dipartimento di Scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale dell’Università di Siena promuove percorsi di formazione innovativi e azioni di ricerca in contesti ad alta densità multietnica. Tra questi c’è anche il carcere.

Proprio in questi giorni, direttori di istituto, comandanti di reparto, ispettori e agenti di polizia penitenziaria, funzionari della professionalità giuridico-pedagogica, impegnati nella gestione della quotidianità dei detenuti stranieri nelle case circondariali di Pisa, Prato e Perugia, hanno iniziato percorso di formazione dal titolo “Gestire la diversità culturale nei contesti detentivi attraverso l’attivazione di processi di apprendimento trasformativo”, che si concluderà a maggio. Incontreranno studiosi dei fenomeni educativi e multiculturali, che li supporteranno nella progettazione di soluzioni per gestire la diversità nelle carceri dove operano, e costruiranno una comunità di apprendimento tra professionisti del sistema penitenziario non solo italiano, dove potranno condividere esperienze e criticità.

«Le attività formative che abbiamo progettato per professionisti coinvolti in contesti penitenziari con un elevato numero di detenuti stranieri – spiega la professoressa Loretta Fabbri, responsabile scientifico del progetto Forward - intendono fornire strumenti per la gestione del pluralismo culturale e supportare le istituzioni penitenziarie in percorsi di sviluppo e di trasformazione».

«E’ un percorso di formazione, scambio e confronto che vede coinvolti i vari professionisti delle case circondariali di Toscana e Umbria – aggiunge Francesca Torlone, docente dell'Università di Siena – e intende dare un supporto per realizzare soluzioni utili ad affrontare le criticità che riguardano i detenuti di nazionalità straniera negli istituti, dalla prevenzione di fenomeni di autolesionismo alla questione dell'inserimento in percorsi formativi e di lavoro dentro il carcere e fuori».

L’amministrazione penitenziaria del Provveditorato Toscana Umbria ha co-progettato il percorso formativo, consapevole dell’importanza strategica della conoscenza delle culture altre che oggi sono presenti nei circuiti penitenziari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Offrire al personale strumenti di padronanza e competenza – conclude la professoressa Torolone - faciliterà la gestione dei detenuti all’interno degli istituti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • LIVE | Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • LIVE | Suspense ballottaggio e raffica di contestazioni. Sezioni scrutinate 25 su 97: Ghinelli al 48,42%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. I dati

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento