Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

Dall'estremo Oriente per visitare Arezzo: la carica di 600 turisti. Comanducci: "Aprile parte bene, nessun allarmismo"

"Un marzo positivo e un aprile partito bene". E' una primavera intensa per il turismo aretino. A sostenerlo sul proprio profilo Facebook è Marcello Comanducci, assessore alle Attività produttive del Comune di Arezzo, che - bando alle lamentele -...

"Un marzo positivo e un aprile partito bene". E' una primavera intensa per il turismo aretino. A sostenerlo sul proprio profilo Facebook è Marcello Comanducci, assessore alle Attività produttive del Comune di Arezzo, che - bando alle lamentele - svela l'arrivo in città di altri 600 turisti, questa volta provenienti dall'estremo Oriente. Già la scorsa settimana si era verificata una "invasione a stelle e strisce" con 800 manager di grandi aziende statunitensi in visita alla città. Oggi una replica con turisti provenienti sia dall'America che da Filippine e Cina.

Dopo un Marzo da +15% nelle strutture ricettive Aprile è partito bene e anche per Pasqua e i ponti iniziano ad arrivare prenotazioni (il turista ormai decide all'ultimo momento) mi dicono alcuni anche grazie all'articolo di 15 pagine su Marco Polo.

La sinergia con Firenze continua, anche oggi altri americani più un tour operator Filippino e uno Cinese in giro per la città, altre 500-600 persone.

Io ho molti numeri su cui fare affidamento soprattutto paragonati agli anni passati, punti informazione, presenze alberghiere, Fraternita dei Laici (che grazie all'enorme lavoro di Pier Luigi Rossi ha fatto numeri altissimi di visite) tutti segnano in due anni un un'ottima inversione di tendenza, forse chi in questi giorni dice il contrario ha algoritmi di nuova generazione che io non ho.

Solo lo scorso 7 aprile 20 pullman invasero Arezzo: a bordo c'erano manager di grosse aziende americane che come premio di produttività e incentivo, si sono visti offrire dai datori di lavoro una "vacanza" in Italia.

"Negli ultimi due anni - spiega Comanducci - c'è stata una notevole crescita nel settore turistico. In questi giorni ho avvertito un certo allarmismo: si è parlato di una città che si svuota, ma non è così. Il mese di marzo è andato veramente bene, complice anche il turismo sportivo. E adesso stiamo lavorando per creare nuove opportunità: ad esempio le numerose uscite su importanti pubblicazioni di settore stanno dando i loro frutti. Poi c'è tutto un lavoro di relazioni che stiamo già tessendo". Comanducci si riferisce a rapporti riallacciati con Film Commission, con Toscana Promozione e importanti tour operator. Un obiettivo interessante potrebbe essere quello di allacciare contatti con realtà fiorentine pubbliche e private che gestiscono flussi turistici.

"Da anni si corteggia l'idea che Arezzo possa diventare una città dove i turisti che vogliono scoprire la Toscana si fermino e pernottino - prosegue Comanducci -, facendo poi la spola con le altre bellissime città toscane. Arezzo insomma potrebbe essere un punto di riferimento. Ma per realizzare questo sogno è necessario ripartire dal basso, lavorare per riallacciare rapporti con enti, istituzioni e privati che possano favorire il turismo. Sotto questo punto di vista, due anni fa, ho trovato una città isolata, per questo abbiamo lavorato con l'obiettivo di creare i presupposti necessari a una crescita. E i risultati, a mio avviso, si stanno vedendo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'estremo Oriente per visitare Arezzo: la carica di 600 turisti. Comanducci: "Aprile parte bene, nessun allarmismo"

ArezzoNotizie è in caricamento