Dal pizzaiolo al corso di economia domestica: la nuova vita dei richiedenti asilo a Monte San Savino

C’è chi fa il pizzaiolo e chi si dedica all’economia domestica, chi fa volontariato e chi studia. A Monte San Savino, i 38 richiedenti asilo hanno imboccato queste strade per costruirsi una nuova vita, aiutati dal consorzio “Comars” aderente alla...

Migranti

C’è chi fa il pizzaiolo e chi si dedica all’economia domestica, chi fa volontariato e chi studia. A Monte San Savino, i 38 richiedenti asilo hanno imboccato queste strade per costruirsi una nuova vita, aiutati dal consorzio “Comars” aderente alla rete Federsolidarietà di Confcooperative Toscana. Sono tutti giovanissimi, tra i 18 e i 25 anni, tra di loro anche sei donne e due neonati, arrivati la scorsa estate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vivono in appartamenti autonomi, preparano da mangiare, fanno la spesa e si occupano della pulizia della casa. Alcuni di loro hanno già un lavoro e altri seguono corsi di formazione. Molto gettonato quello per pizzaiolo.

“I migranti sono costantemente seguiti dai nostri operatori e da uno psicologo - ha detto Fabio Palmieri presidente di Federsolidarietà Toscana e della cooperativa sociale Arca 1, aderente al consorzio Comars - Abbiamo deciso di investire il loro tempo soprattutto in formazione, come corsi di italiano, educazione stradale, civica, domestica e professionale. La comunità che li ospita si è abituata a loro e le occasioni di conoscenza e confronto stanno diventando sempre più frequenti”. Volontariato, cene di beneficenza e collette alimentari, sono queste le attività che fino ad ora i migranti hanno svolto al servizio della comunità grazie alla collaborazione delle istituzioni e delle associazioni locali. “Un ingresso graduale nella vita della comunità, che si completerà a breve con l’avvio di azioni di volontariato e altri corsi per renderli sempre più autonomi. Inoltre - ha aggiunto Palmieri - siamo già in contatto con diverse realtà del territorio per avviare nuovi progetti e attività”. Il consorzio Comars fa parte di un raggruppamento temporaneo di imprese che comprende altre 7 realtà, tutte impegnate a migliorare il processo di integrazione dei migranti. C’è l’associazione Pronto Donna, Oxfam intercultura Italia, Arci Arezzo, la cooperativa La Tappa e il consorzio “Isola che non c’è” che comprende altre 4 cooperative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento