menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I cuochi aretini festeggiano la vittoria della Ferrari al Gran Premio di Monza

Il Gran Premio d'Italia, corso al Monza Eni Circuit l'8 settembre ha decretato infatti un pezzo di storia per gli amanti dell'automobilismo

"Ci speravamo, come tutti gli italiani del resto, ma non avremmo mai pensato di essere così fortunati da assistere alla vittoria della Ferrari in casa dopo ben 10 anni".

A sottolinearlo è Roberto Lodovichi presidente dell'Unione Regionale Cuochi Toscani. Il Gran Premio d'Italia, corso al Monza Eni Circuit l'8 settembre ha decretato infatti un pezzo di storia per gli amanti dell'automobilismo, il giovane e talentuoso Charles Leclerc riporta l'attenzione sulla rossa più amata del mondo e torna ad alimentare i sogni e le speranze di chi crede in uno dei marchi italiani che godono di maggior fama.

L’emozione - spiega Lodovichi - è stata tanta perché abbiamo potuto presenziare ad una manifestazione così prestigiosa portando in Lombardia uno spaccato di Toscana fatto di eccellenze. Il rombo delle auto che passano a tutta velocità, il rosso fiammante delle Ferrari, dei cappellini e delle maglie dei tifosi, l’attesa e la tensione che si sentono nell’area e la gioia travolgente che ci ha assaliti nel momento dell’arrivo non ci abbandoneranno mai. In particolare ricorderò la gioia dei più giovani che dal prato corrono verso il vincitore, il Campione che il mondo attendeva che si cimenta sul terreno che fu di grandi come Senna, Schumacher, Hamilton e vince. La folla acclama Leclerc, astro nascente del firmamento automobilistico e lo consacra già nel gotha dei campioni. Noi c’eravamo, con i nostri prodotti, con i nostri cuochi e la voglia di contribuire nel nostro piccolo a far parlare del bello e del buono che l’enogastronomia toscana può offrire.

I Cuochi Toscani hanno portato nell’Area Hospitality ACI uno spaccato di piatti toscani in collaborazione con alcuni dei consorzi toscani di maggior rilievo quali: Consorzio del Pecorino Toscano DOP, Consorzio del Prosciutto toscano DOP, Consorzio della Finocchiona IGP, Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale e Consorzio dell’Olio Toscano IGP.

La gallery dell'evento 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento