Covid-19, percorso cure intermedie in Valdarno. Vadi: "Ancora in attesa di una programmazione della Asl"

"Il piano di emergenza per le Rsa comporterà una riduzione del servizio della Asp Masaccio"

Valentina Vadi

"La Delibera della Giunta regionale n.808 del 29 giugno 2020  stabilisce che in Valdarno servono venti posti letto in più per garantire adeguati livelli di assistenza, ma ad oggi manca un piano di programmazione da parte dell’Azienda sanitaria", ha dichiarato il Sindaco di San Giovanni Valdarno Valentina Vadi nel corso della comunicazione in Consiglio comunale della settimana scorsa, martedì 29 settembre

“Ormai da settimane assistiamo a un aumento progressivo dei contagi e dei ricoveri da Covid 19, una recrudescenza che potrebbe ulteriormente aggravarsi con l’arrivo della stagione invernale. Nei mesi scorsi, nel periodo più acuto dell’emergenza, le strutture sanitarie del nostro territorio, in modo particolare le residenze sanitarie per anziani, sono state messe a dura prova: ora più che mai di fronte a un riaffacciarsi di casi, anche all’interno di queste strutture, è necessario mettere in campo tutte le misure necessarie volte a gestire gli effetti della seconda ondata dell’epidemia. Per questo motivo, ho più volte sollecitato la direzione dell’Azienda Usl Toscana Sud Est a mettere mano a una vera riorganizzazione dei posti destinati alle cure intermedie. Allo stesso tempo, ho espresso la mia  preoccupazione per il piano organizzativo, comunicatoci dall’Azienda stessa, che in caso di emergenza Covid sarà attivato nelle Rsa”. E’ quanto ha dichiarato Valentina Vadi, Sindaco di San Giovanni Valdarno durante la Comunicazione sul percorso delle cure intermedie in Valdarno e situazione Asp Masaccio rivolta al Consiglio Comunale durante la seduta della settimana scorsa.

Secondo il sindaco Vadi, il territorio di San Giovanni da una parte rischia di non vedere assegnati i posti letto aggiuntivi previsti dalla delibera regionale (la n.808 del 29 Giugno 2020) rivolti alle cure intermedie  - che consentono la degenza dei malati covid asintomatici o pauci sintomatici - dall’altra rischia di veder diminuire i posti all’interno della Rsa Asp Masaccio.

"Il piano illustratoci dalla Asl nel corso della riunione della Conferenza dei Sindaci del 22 settembre scorso prevede, infatti, che ogni Rsa debba individuare un piano di emergenza Covid con percorsi separati nei quali collocare gli ospiti con sintomi in attesa di tampone. In caso si sintomatologia grave gli ospiti saranno trasferiti all’Ospedale Covid San Donato e in caso di sintomatologia lieve o assente saranno lasciati in queste zone ‘separate’, oppure trasferiti in strutture di cure intermedie di altre province, non essendovene in Valdarno. Questa organizzazione, nella Asp Masaccio, comporterà la perdita di quattro o cinque posti e di tutti e dieci i posti del diurno, determinando una interruzione di servizi importante per la cittadinanza sangiovannese, oltre che una pesante diseconomia per la Asp medesima”.

“Per quanto riguarda, invece, l’assegnazione dei posti per le cure intermedie, ricordo che con la delibera del Presidente della Giunta Regionale n.808 del 29 Giugno 2020 all’Azienda Sanitaria Sud Est sono stati assegnati 3.346.165,00 euro destinati a coprire i maggiori costi gravanti sull’esercizio 2020 a seguito della attivazione di nuovi posti letto di cure intermedie, sia in strutture della Asl, dove presenti (ma non è il caso del Valdarno), sia in strutture private convenzionate. Il parametro di 0,4 posti letto ogni 1000 residenti, utilizzato come riferimento per la dotazione di posti letto di cure intermedie dall’ordinanza regionale, identifica in venti posti letto in più, rispetto agli attuali 18, del fabbisogno necessario a garantire adeguati livelli di assistenza ai cittadini valdarnesi. L’Azienda sanitaria ha effettuato una ricerca di mercato per l’acquisizione di un bene immobile nella zona del Valdarno in cui destinare un reparto di cure intermedie. Una ricerca che purtroppo non ha avuto esito positivo.  Ad oggi, dunque, nonostante le diverse sollecitazioni che ho sottoposto alla direzione dell’Azienda Sanitaria Sud Est, che ho voluto condividere con i componenti del Consiglio Comunale e sulle quali nei mesi scorsi avevamo chiesto chiarimenti anche come Conferenza dei Sindaci, abbiamo rilevato una mancanza di programmazione – conclude il Sindaco Vadi - Un’assenza di pianificazione che, nel caso in cui non ci siano novità di rilievo, ci porterà ad affrontare la prossima emergenza sanitaria nelle stesse condizioni con le quali l’abbiamo affrontata nei mesi passati, senza che nessuno degli accorgimenti e delle soluzioni sollecitati per mesi alla Direzione Generale, e previsti dalla legge, siano stati presi in considerazione o attuati. Una situazione per cui non posso che esprimere grande preoccupazione e sulla quale auspico fortemente che sia posto al più presto rimedio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento