Collegamento Coste-Casello: il progetto c'è. “Bretella e nuovo ponte sull’Arno, risposte a cittadini e imprese”

Per quanto riguarda i tempi, a giugno ci sarà la conclusione della conferenza dei servizi. L’iter proseguirà con lo sviluppo della progettazione e l’indizione della gara di appalto entro dicembre 2020

Una nuova e più efficiente viabilità per il Valdarno. È stato presentato alla presenza dell’assessore regionale Vicenzo Ceccarelli, del sindaco Sergio Chienni, e dell’ingegnere Antonio De Crescenzo il progetto definitivo per la realizzazione del nuovo collegamento Coste-Casello.

“Il Valdarno è un’area fortemente antropizzata e dinamica da un punto di vista imprenditoriale e per questo necessita di risposte concrete in materia di infrastrutture – afferma il primo cittadino terranuovese – I passi che abbiamo fatto fino ad oggi sono molto importanti e con la realizzazione della bretella andremo a fluidificare significativamente il traffico dando una risposta concreta sia ai cittadini che alle imprese. Con la bretella infatti i veicoli che transiteranno in via Poggilupi scenderanno dagli attuali 25.000 veicoli a circa 17000. Contestualmente al nuovo collegamento voglio ricordare che grazie al lavoro portato avanti con la Regione Toscana, abbiamo ottenuto l’intero finanziamento per la realizzazione del nuovo ponte sull’Arno tra Terranuova e Montevarchi.”

La nuova arteria viaria, il cui valore complessivo si attesta sui 18.500.000 di euro, avrà una lunghezza complessiva di 1,6 km e l’intervento è stato suddiviso in due lotti. Il primo è compreso tra la nuova rotatoria che sorgerà alle Coste, in prossimità dell’attuale curva e Casa Malvigna, per una lunghezza di 540 metri e un investimento di 7,8 milioni di euro. Sarà realizzato in sedici mesi.

“Terminata la fase di assoggettabilità è stata aperta la conferenza dei servizi. Adesso proseguiremo con la progettazione esecutiva e le procedure di gara in modo da poter avviare i lavori nel 2021 – spiega Vincenzo Ceccarelli assessore alle infrastrutture della regione Toscana – La capacità di intercettare fondi europei e la stretta collaborazione tra i vari enti ci ha consentito di procedere concretamente al completamento dell’intera bretella, non solo nella parte aretina, ma anche in quella fiorentina".

Farà parte di questa prima fase di intervento anche il sottopasso che ridisegnerà l’area del Ponte Mocarini e permetterà alla bretella di proseguire il suo tracciato parallelamente all’Autostrada. Il lotto 2 andrà da Malvigna fino allo svincolo del Casello A1 Valdarno dove sarà creata una nuova rotatoria subito dopo al nuovo ponte sul Ciuffenna. Il secondo lotto avrà una lunghezza di 1060 m per 10 milioni di euro di spesa e venti mesi di lavori, che andranno avanti in parallelo con quelli del primo lotto.

“Sarà nostro impegno seguire lo sviluppo dell’opera insieme alla Regione Toscana - conclude il sindaco Chienni - certi che si tratti di un grande intervento in grado di portare beneficio non solo a Terranuova, ma all’intero Valdarno, area ormai da considerarsi come un’unica grande città diffusa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda i tempi, a giugno ci sarà la conclusione della conferenza dei servizi. L’iter proseguirà poi con lo sviluppo della progettazione esecutiva e l’indizione della gara di appalto entro dicembre 2020. Intorno alla metà del 2021 partiranno i lavori che dovrebbero avere una durata di circa due anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento