Attualità

Streetfood scrive a Conte: "Sostegno per far ripartire i cuochi di strada, in parte esclusi dalle misure"

Streetfood è la prima realtà in Italia nata nel 2008 per diffondere la cultura del cibo di strada e ha dato opportunità di lavoro alle attività commerciali ambulanti del settore food che oggi chiede forme di tutela al Governo e parti sociali per poter sostenere il fermo lavoro

L’Associazione Nazionale Streetfood scrive al premier Conte e chiede aiuto a Governo e parti sociali per tutelare il settore del commercio ambulante e itinerante che risulta essere il più penalizzato dopo lo stop agli eventi pubblici e privati e ai mercati settimanali e rionali secondo le prescrizioni del Dpcm del 4 Marzo e aggiornamenti successivi. Seppur con tutte le difficoltà del caso alcune attività (pubblici esercizi, ambulanti di mercati settimanali, Ristoranti ed altri del commercio…) continuano a lavorare. Al contrario sono compromesse attività di organizzazione eventi e commercio ambulante e attività collegate dell’indotto e per ricaduta ne risentono attività ricettive e turismo. 

"Con le misure sempre più restrittive attuate dal Governo a beneficio della salute pubblica - dichiara Massimiliano Ricciarini, presidente e fondatore dell’Associazione Streetfood Italia - per contenere il contagio da Covid19, noi ci facciamo promotori in quanto associazione capofila del settore, è tuttavia necessario un intervento diretto di sostegno alle imprese ambulanti e associazioni di categoria come la nostra al fine di ripartire al meglio, anche con una promozione adeguata".

L’Associazione Streetfood è la prima realtà in Italia che ha inventato nel 2010 il format di un calendario di decine di eventi street food sul territorio italiano e anche Oltralpe (Costa Azzurra tra il 2017 e 2019). Partendo da Marciano della Chiana oggi è a tutti gli effetti una carovana di auto-negozi (food truck) e stand selezionati in base a un “decalogo del buon artigiano del Gusto” che viaggiano in lungo e in largo portando la qualità della cucina di strada tradizionale e storica di varie regioni italiane a casa degli Italiani.

"Il fenomeno Cibo di strada o “Street Food” - evidenzia ancora Ricciarini - a tutti gli effetti ha dato lavoro a sempre più numerose attività ambulanti e itineranti e chef di ristoranti che si sono reinventati adattando il proprio menù a un consumo “per strada”. Parimenti sono nate o si sono specializzate realtà del comparto metalmeccanico costruttrici di autonegozi (food Truck) che hanno migliorato la qualità e il design al servizio delle succitate attività ambulanti".

Streetfood Village, un modello nazionale. Il format ideato da Associazione Streetfood è stato di ispirazione se non addirittura emulato in toto da sempre più numerose realtà emergenti organizzatrici di eventi sullo stesso tema indicativamente dal 2014 ad oggi. Realtà più o meno improvvisate, che hanno generato un certo disordine sia in termini di proposta gastronomica che di livello organizzativo, ma hanno ampliato e potenziato inevitabilmente l’indotto. Una rete sempre più fitta di aziende del settore ha portato flussi di persone in numerose città italiane, attivando così la conoscenza del territorio, gli acquisti presso i negozi locali sia di prodotti agroalimentari tradizionali che di altre merceologie. Gli hotel hanno ospitato sia gli operatori partecipanti che i visitatori provenienti da varie parti d’Italia che hanno così acceduto a ristoranti, pizzerie, bar ed enoteche locali con indubbio beneficio economico.

"Viene quindi spontaneo oggi - conclude il presidente dell’Associazione Nazionale Streetfood - farci promotori e latori di questa legittima richiesta di aiuto che può tradursi magari in qualcosa di più di semplici incentivi o sgravi fiscali per il settore"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Streetfood scrive a Conte: "Sostegno per far ripartire i cuochi di strada, in parte esclusi dalle misure"

ArezzoNotizie è in caricamento