Martedì, 26 Ottobre 2021
Attualità

Covid, parla il prof Caremani: "Natale e Capodanno? Niente tavolate. I giovani si autoimpongano il lockdown"

Il ritorno prepotente del Coronavirus dopo un'estate di apparente tregua, il complesso quadro aretino, le previsioni per i prossimi mesi e le speranze legate al vaccino: parla il professor Marcello Caremani

"Saranno settimane difficili, mi aspetto un senso di responsabilità da parte dei giovani e dei giovani adulti. Un lockdown autoimposto, per evitare che la situazioni si aggravi ulteriormente mettendo a durissima prova il sistema sanitario". Il ritorno prepotente del Coronavirus dopo un'estate di apparente tregua, il complesso quadro aretino, le previsioni per i prossimi mesi e le speranze legate al vaccino: parla il professor Marcello Caremani, medico “senior”, ex guida di Malattie infettive al San Donato di Arezzo.

La sanità aretina è in sofferenza?

"Ad Arezzo stiamo soffrendo per la pressione su Terapia Intensiva. I posti letto sono quasi raddoppiati a livello nazionale, un ottimo segnale, anche se devono essere ancora completamente attivati. Ma non bastano i letti, bisogna che ci siano medici e infermieri adeguati nel numero e nella formazione per gestirli. In questa fase, credo, vadano assunti giovani dottori".

Come è messa Arezzo rispetto ad altre realtà regionali?

"La situazione è seria: c'è una maggior incidenza di casi, è vero. Ma non c'è un caso Arezzo. Che poi, la nostra provincia fa parte di un'area vasta, con Grosseto e Siena. Gli spostamenti dei malati di Terapia Intensiva che non trovano posto al San Donato sono fatti a Grosseto, ospedale che ha dato disponibilità. Non a Siena, in cui, dicono, non ci sia posto. Ecco, auspico che questo posto venga trovato rapidamente e ci sia la massima collaborazione possibile all'interno dell'area vasta: un conto è spostare un malato grave da Arezzo a Grosseto, un conto da Arezzo a Siena; la strada da fare, in quest'ultimo caso, è la metà".

Come si sono trasmessi i contagi?

"Il Covid è tornato a circolare dopo i rientri dalla vacanze e dall'estero. Poi è esploso con contagi prevalentemente in ambito familiare. Solo il 3% è imputabile alla scuola, dove l'organizzazione ha retto. Sono altre le situazioni da monitorare: penso ai trasporti, che sono stati un elemento debole della programmazione, con spazi disponibili insufficienti per avere un distanziamento sociale adeguato. E poi gli assembramenti di ragazzi fuori dall'orario scolastico o dei giovani adulti. Le serate insieme, gli abbracci, l'uso scorretto della mascherina. Con il periodo più freddo, le microgocce emesse da naso e bocca tendono a rimanere in sospensione per più tempo e non a seccarsi velocemente come in estate. Ecco perché occorre fare attenzione al distanziamento".

Come agire?

"E' corretto salvaguardare i più deboli, come i nostri anziani. Dobbiamo preservarli. Abbiamo tre fasce: professionisti in salute, ad esempio, che devono continuare a lavorare. Poi ci sono i pensionati: quelli sani che possono uscire di casa, ma magari soltanto per andare in farmacia, a fare la spesa, e ovviamente con la mascherina correttamente portata. La terza fascia è quella degli anziani con malattie croniche. Ecco queste persone dovrebbero rimanere a casa. Ma ci vuole una rete sociale che li aiuti. Per quanto riguarda le altre fasce d'età: occorre che le famiglie, soprattutto nei confronti dei ragazzi, siano molto incisive nel ricordare le regole di distanziamento, di igiene e di corretto uso della mascherina. Dico di più, i giovani e i giovani adulti dovrebbero autoimporsi un lockdown. Bisogna adottare  un modus vivendi nuovo. E poi è fondamentale il tracciamento: senza contare la Cina, in cui c'è un limite stringente alle libertà personali, voglio ricordare come Sud Corea, Australia e Giappone godono di una situazione favorevole rispetto alla diffusione del virus, grazie al tracciamento capillare. Noi, invece, abbiamo riso dietro alla app Immuni".

Tutto questo fino a quando?

"Fino a quando la curva dei contagi non sarà discendente, fino a quando non si allenterà la morsa del coronavirus non si potrà iniziare a riaprire. Ed è molto difficile fare un pronostico serio. Occorre valutare settimana per settimana. La strategia dei Dpcm del Governo è questa: mosse per chiudere un po' alla volta e valutare se sortiscono effetti positivi, ottenere il massimo in termini di riduzione dei contagi con il minimo delle restrizioni. Dico questo: in Inghilterra, oggi, c'è il maggior numero di morti in Europa; in Germania e Francia sta andando molto male da tempo. La situazione italiana si è aggravata da ottobre, possiamo uscirne ma solo se ci sono volontà e consapevolezza da parte di tutti".

Come ne usciremo definitivamente?

"Due sono le strade: anticorpi monoclonali, utili come cura e come prevenzione, che garantiranno una certa immunità. E il vaccino: ci stanno lavorando in molti, ormai ci siamo. A gennaio saranno pronte le prime dosi, per fasce di persone limitate: i primi ad essere vaccinati saranno gli operatori della sanità, poi le forze dell'oridine e gli anziani malati cronici. Prima di maggio non credo sarà possibile estendere la vaccinazione alle altre categorie".

Cosa attenderci per le prossime festività natalizie? E' immaginabile una parziale riapertura?

"Non è pensabile immaginare adesso la situazione che vivremo a Natale. Magari, e speriamo di no, saremo in lockdown completo. Di certo, dovremo evitare pranzi e cene natalizi e di Capodanno, sia con gli amici che con i parenti non conviventi. Bisogna ricordare che la Spagnola non ebbe due sole ondate, ma tre e, in alcuni Paesi, addirittura quattro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, parla il prof Caremani: "Natale e Capodanno? Niente tavolate. I giovani si autoimpongano il lockdown"

ArezzoNotizie è in caricamento