Niente spesa a Pasqua e Pasquetta: Ghinelli chiude tutto con una ordinanza. Le sanzioni e le eccezioni

Resteranno aperte solo farmacie, parafarmacie e rivendite di giornali. Sarà ammessa la consegna a domicilio di generi alimentari e di prima necessità, ma solo a seguito di una prenotazione online o telefonica

La conferma arriva con una ordinanza sindacale: nel comune di Arezzo per Pasqua e Pasquetta saranno chiuse tutte le attività commerciali. "Con le sole eccezioni - spiega il Comune in una nota - di farmacie, parafarmacie e rivendite di giornali". Sarà inoltre ammessa la consegna a domicilio di generi alimentari e di prima necessità, ma solo a seguito di una prenotazione online o telefonica.

A prevederlo è dunque l'ordinanza numero 127 siglata nelle ultime ore da Alessandro Ghinelli. Si tratta di una "ulteriore stretta - chiarisce l'amministrazione - finalizzata al contenimento del virus". E per i trasgressori sono previste anche delle sanzioni che oscillano dai 3 ai 15 giorni consecutivi di sospensione dell’attività.

"Ricordiamo - chiarisce il Comune di Arezzo - che per le consegne a domicilio, gli esercenti, in base all’altra ordinanza valida fino a Pasquetta, potranno usare anche i veicoli di proprietà, nel rispetto ovviamente della normativa di settore per il confezionamento della merce e, al momento della consegna stessa, delle attuali disposizioni anti-covid che impongono le distanze e il divieto di contatto tra le persone".

I sindacati e le decisioni della Regione

Anche il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, firmerà oggi una nuova ordinanza che prevede la chiusura delle attività commerciali per Pasqua e Pasquetta, ad eccezione di farmacie e edicole.

Una stretta dunque che interesserà l'intero territorio regionale e che è stata commentata positivamente dai sindacati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le aziende del settore avevano già programmato le aperture festive sostituendo agli annunci che invitano i clienti a tenere la distanza di sicurezza, con annunci promozionali e pubblicizzando l'apertura di Pasquetta". AffermaClaudio Bianconi, Segretario provinciale della Filcams Cgil,  che sottolinea come le condizioni di vita e di lavoro dei dipendenti del commercio stiano "progressivamente peggiorando". Bianconi ha inviato una lettera aperta alla Prefetta, alla presidente della Provincia e ai sindaci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

  • "Mio fratello era buono e solare. Lo porterò con me in un tatuaggio"

  • I 15 borghi fantasma della Toscana che dovreste visitare

  • Codice giallo per pioggia e temporali: l'elenco dei comuni aretini interessati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento