menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, "Servono protezioni, organizzazione chiara e aumento degli organici"

Dalla funzione pubblica della Cgil di Area Vasta della Toscana Sud Est arriva l'appello per una maggiore attenzione nei confronti delgi operatori sanitari in prima linea nel contrasto e nel controllo del contagio

E' la Funzione Pubblica della Cgil di area vasta della Toscana sud est a lanciare un appello per la massima attenzione nei confronti di chi è in prima linea in questo caso di contrasto e controllo dei contagi da Coronavirus.

I fatti di questi giorni relativi all’emergenza Covid-19 hanno acceso un riflettore sulla capacità del sistema sanitario nazionale, e di conseguenza sui vari sistemi sanitari regionali, di come reagire per affrontare al meglio questo delicato momento. Senza nulla voler aggiungere rispetto a quelle che sono le linee di indirizzo dei vari livelli di responsabilità istituzionale e senza entrare nel merito di come clinicamente debba essere affrontata questa emergenza (non è il ruolo del sindacato) vogliamo comunque rendere evidente il livello di pressione a cui sono sottoposti lavoratrici e lavoratori della Usl Toscana Sud Est, e la necessità di potenziamento degli organici.

Il problema di un allarme di questa entità infatti, esercita delle inevitabili ricadute sui pronto soccorso (e strutture interessate), ed amplifica il problema degli organici che spesso sono ridotti alla condizione minima di funzionamento. Questo problema non interessa solo le figure del medico e dell’infermiere che nel sentire comune identificano la sanità, ma una moltitudine di figure tecniche e sanitarie che gli addetti ai lavori ben conoscono: tecnici sanitari (es. tecnici di laboratorio)operatori socio sanitari. In più, quanto sta accadendo mette in risalto quanto sia necessario avere personale stabile e formato, e quanto debba essere contenuto il ricorso a personale “a tempo” . E’ evidente come la pressione sia sul sistema, e che la necessità di risposta deve essere di sistema. Riteniamo necessario, anche alla luce di quanto sta accadendo in queste ore, porre particolare attenzione alle condizioni di lavoro di lavoratrici e lavoratori in termini di fornitura di dispositivi di protezione individuale, di organizzazione dei percorsi, di chiarezza nella comunicazione, e soprattutto di ulteriore potenziamento di organico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento