Attualità

Tra cassa e scaffali al tempo del Coronavirus: l'esercito dei 5mila addetti alle vendite aretini

In seguito al decreto del presidente del Consiglio sono numerosi gli esercizi commerciali aperti: il 37,30 per cento del totale

C'è chi lavora da casa, chi con turni ristretti in fabbrica e chi invece ogni giorno - oggi come ieri - corre al proprio posto all'interno di un supermercato per continuare a garantire il servizio. Con loro ci sono anche gli addetti dei negozi di alimentari e di beni di prima necessità e delle farmacie: un vero e proprio esercito che conta solo nell'Aretino quasi mila persone. Muniti di mascherine, combattono il virus dal loro posto, tra scaffali e casse. Pronti a dare consigli ma anche a segnalare i comportamenti meno corretti. 

"In  Toscana - spiega in una nota la Camera di Commercio - sono 31.162 gli esercizi commerciali autorizzati all’apertura con 51.236 dipendenti. In provincia di Arezzo sono 2.825 con 4.478 dipendenti. Le farmacie sono 89 e 322 gli occupati". 

In tutta Italia gli esercizi commerciali esentati dalla chiusura sono mezzo milione e al loro interno lavorano 800mila dipendenti. E’ quanto mostra una elaborazione di Unioncamere e InfoCamere sui dati del Registro delle imprese delle Camere di Commercio.

L'esercito degli addetti alle vendite aretini

E nell'Aretino? Scendendo nel dettaglio si scopre che ci sono 2 ipermercati e 79 supermercati aperti. Alcuni subito dopo il decreto del presidente del Consiglio sono stati presi d'assalto dai consumatori. All'interno, pronti  a rifornire gli scaffali a ruota continua, lavorano quasi 1600 adetti. Poi ci sono i negozi di alimentari: disseminati in tutto il territorio provinciale, in questo momento così complesso rappresentano un'ancora di salvezza per anziani, residenti di paesi montani o zone più isolate. Si tratta di 1340 piccoli punti vendita dove lavora in media due persone, per un totale di 2668 adetti. 

E poi le farmacie: 89 con 322 addetti, anche loro in prima linea quotidianamente, pronti a rispondere alle esigenze di chi ha bisogno di acquistare medicine. 

Aperti inoltre negozi per prodotti per l'igiene della persona: sono 96 per un totale di 168 dipendenti.

In termini percentuali si parla del 37, 30 per cento del totale degli esercizi commerciali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra cassa e scaffali al tempo del Coronavirus: l'esercito dei 5mila addetti alle vendite aretini

ArezzoNotizie è in caricamento