menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
panoramica-arezzo5

panoramica-arezzo5

Contributi per l'affitto ad Arezzo, Tanti: "I beneficiari? Il 74% sono aretini di lunga permanenza"

L'assessore comunale alle politiche sociali Lucia Tanti fa il punto sui contributi per gli affitti. “In aggiunta ai criteri regionali il Comune di Arezzo per i contributi per l’affitto ha inserito la clausola, obbligatoria per chiunque facesse...

L'assessore comunale alle politiche sociali Lucia Tanti fa il punto sui contributi per gli affitti. "In aggiunta ai criteri regionali il Comune di Arezzo per i contributi per l'affitto ha inserito la clausola, obbligatoria per chiunque facesse richiesta, di rendere conto dei propri beni all'estero - spiega l'assessore alle politiche sociali Lucia Tanti. Questo nuovo criterio ha dato il seguente risultato: il 74% degli aventi diritto ai contributi è costituito da aretini di lunga permanenza. Altro dato importante è che siamo riusciti a soddisfare l'82% dei richiedenti aretini. Più alta la percentuale degli esclusi tra i non aretini, originari di altri Paesi, proprio per aver introdotto come elemento di controllo il criterio delle proprietà all'estero. Come avvenuto per l'assegnazione delle case popolari anche per i contributi per l'affitto, costituiti dalla somma di un contributo regionale e uno comunale, ha funzionato il nuovo schema della giunta Ghinelli, che aggiunge ai criteri regionali la valutazione dei capitali posseduti fuori dall'Italia dai richiedenti. Del resto - conclude l'assessore Tanti - era piuttosto incomprensibile che i cittadini italiani fossero sottoposti alla verifica dei propri beni eventualmente posseduti in altre città, rispetto ad Arezzo e ciò non valesse per tutti gli altri richiedenti".

E' in pubblicazione - spiega la nota del Comune di Arezzo - la graduatoria provvisoria per l'erogazione di contributi destinati a integrare i canoni di locazione per immobili a uso abitativo privato (Legge 431/1998) anno 2016. I cittadini interessati possono prenderne visione, oltre che sul sito del Comune, anche presso lo Sportello Unico di piazza Amintore Fanfani 1 (ex Caserma Cadorna) dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 14.

Gli interessati possono accedere alla propria pratica recandosi all'ufficio servizi sociali e politiche di coesione, in piazza San Domenico 4, compilando l'apposito modulo di accesso agli atti, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12. L'accesso agli atti da persona diversa dall'interessato potrà avvenire solo dietro presentazione di delega accompagnata da copia del documento di identità dell'interessato.

Fino alle 13 di mercoledì 31 agosto gli interessati possono presentare richiesta di riesame, della propria domanda, mediante l'apposito modulo reperibile presso lo Sportello Unico o scaricabile dal sito del Comune. A tale scopo possono essere presentati nuovi documenti purché relativi a condizioni, soggettive e oggettive, possedute alla data di pubblicazione del bando e dichiarate nella domanda. Le richieste di riesame dovranno essere consegnate a mano e protocollate presso lo Sportello Unico oppure spedite per posta al seguente indirizzo: Comune di Arezzo, Ufficio servizi sociali e politiche di coesione, piazza Fanfani 1, o inviate per posta elettronica certificata all'indirizzo comune.arezzo@postacert.toscana.it.

Si raccomanda il rispetto del termine del 31 agosto. Infatti, in caso di spedizione tramite posta, non farà fede il timbro postale e il Comune non risponderà per le istanze non pervenute o pervenute in ritardo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

  • Scuola

    "Social ma non per gioco" i corsi per gli studenti di Foiano

  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento