Consorzio di Bonifica: "Al lavoro per la messa in sicurezza dopo il maltempo"

In Valtiberina la rimozione di piante cadute e di rifiuti abbandonati si aggiunge alle lavorazioni per il contenimento della vegetazione e il controllo delle opere e dei corsi d’acqua

Consorzio 2 Alto Valdarno al lavoro, non solo per completare gli interventi di    prevenzione e mitigazione del rischio idraulico. Uomini e mezzi infatti sono all’opera anche per sistemare le criticità create dalle piogge intense e dalle raffiche di vento che, tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, hanno investito il territorio tiberino: alberi caduti, rami spezzati, rifiuti accumulati dalle correnti, tutti elementi che, se non rimossi, rischiano di interferire con il corretto scorrimento delle acque.
Sono tanti i cantieri che in Valtiberina hanno portato o stanno portando a termine  le operazioni necessarie per affrontare con maggiore tranquillità, almeno sotto il profilo idrogeologico, la stagione invernale.
Operai  e macchine in questi giorni sono in azione nel comune di Monterchi per la manutenzione ordinaria del   Padonchia per uno sviluppo di oltre 1,5 km e del   Cerfone per un tratto superiore ai 5 km. Qui le squadre del Consorzio 2 Alto Valdarno hanno provveduto anche alla rimozione delle alberature cadute in seguito all’ondata di maltempo che si è registrata alla fine del mese di agosto.
E’ in dirittura di arrivo, nel territorio comunale di Sansepolcro, il massiccio lavoro di manutenzione dell’Afra e dei  corsi d’acqua che attraversano la città biturgense prima di immettersi nel   Tevere. In particolare, sul  Castora, tecnici e operai del Consorzio  hanno anche   collaborato con i colleghi del Comune per rimuovere i rifiuti rinvenuti all’interno e lungo le sponde del fosso: il corso d’acqua è stato messo in sicurezza e le frazioni dei rifiuti (inerti, plastica, vetro, materiale ferroso) sono state differenziate per agevolare le operazioni di raccolta  e smaltimento.
Sono in via di conclusione infine gli interventi nei versanti tiberini dei Comuni di Arezzo e di Cortona rispettivamente a Palazzo del Pero sul Cerfone per 5 km e sui suoi affluenti e a Mercatale dove è agli sgoccioli l’attività di sfalcio e taglio della vegetazione nei fossi intersecati dalla Statale 416 del Niccone fino al confine umbro.
A completare il quadro delle lavorazioni si aggiungono le manutenzioni effettuate a inizio estate nel  centro di Pieve Santo Stefano su Tevere e  Ancione; l’intervento appena ultimato  nei comuni di Caprese Michelangelo e Pieve Santo Stefano, rispettivamente sul  Singerna e sul  Tevere; il controllo della vegetazione realizzato nel territorio comunale di Anghiari  con oltre 20 km di corsi d’acqua sottoposti a manutenzione tra la valle del Sovara e la Piana della Battaglia fino alla loro confluenza nel  Tevere. La  manutenzione ordinaria in queste aree si è accompagnata ad interventi specifici realizzati dal Consorzio per sanare i dissesti provocati dal maltempo il 24 e 25 settembre e per mettere in sicurezza i corsi d’acqua tra le loc. Motina e Viaio sempre nel Comune di Anghiari.
 “Riuscire a coniugare la manutenzione ordinaria con gli interventi puntuali per rimuovere criticità e fattori di rischio intervenuti in modo improvviso, spesso a causa di condizioni meteorologiche avverse, ci ha consentito di contenere tempi e costi, migliorando la sicurezza complessiva dei corsi d’acqua”, commenta l’ingegner Chiara Nanni, referente di area del settore difesa idrogeologica del Consorzio 2 Alto Valdarno che ha operato con il supporto dell’ingegner Enrico Righeschi.
“Nonostante le difficoltà intervenute in questo 2020, riusciremo a completare tutti gli interventi programmati e condivisi con gli amministratori  nel pieno rispetto del cronoprogramma approvato dalla Regione Toscana – ribadisce Serena Stefani, Presidente del Consorzio 2 Alto Valdarno -. Un obiettivo che riusciamo a raggiungere grazie all’impegno di tutti e alla sempre più stretta collaborazione che, sul territorio, riusciamo ad attivare con i comuni, con i quali, a breve, riprenderemo il confronto per valutare e pianificare l’attività da realizzare nel 2021”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

  • Coronavirus: 658 nuovi casi e 32 decessi. I dati di oggi della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento