rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità

Nuovo consiglio direttivo e nuovi progetti per i volontari dell'assistenza domiciliare

L’attività dell’Associazione è ripartita dopo lo stop per l’emergenza sanitaria. La onlus, nata nel 1996, ha rinnovato le cariche dirigenziali e ha ratificato l’affiliazione alle Acli

Nuovo consiglio direttivo e nuovi progetti per l’Avad - Associazione Volontari Assistenza Domiciliare. Questa onlus è nata nel 1996 con l’obiettivo di portare sostegno umano e emotivo direttamente tra le mura di casa ai malati oncologici e a persone con gravi disabilità o con patologie degenerative, con un’attività che nel corso degli anni ha garantito assistenza a oltre duecento pazienti ma che è stata improvvisamente interrotta nel 2020 dall’emergenza sanitaria. La volontà di dare nuova linfa a questa azione solidale ha animato la convocazione di un’assemblea che, oltre ad aver ratificato l’affiliazione alle Acli come circolo OdV - Organizzazione di Volontariato, ha permesso di rinnovare le cariche dirigenziali con l’elezione di Angiolo Agnolucci come presidente, di Enzo Gori come vicepresidente, di Fiammetta Boncompagni come segretaria e di Lilia Losi e Antonietta Ascani come consigliere.

Il primo e più immediato obiettivo del nuovo consiglio sarà rappresentato dal consolidamento, dalla crescita e dal cambio generazionale del gruppo di volontari. La onlus, in quest’ottica, sta organizzando un corso di formazione a partecipazione libera e gratuita per una preparazione umana e sociale orientata a interventi in un ambito particolarmente delicato come quello delle malattie gravi, permettendo così di acquisire le necessarie consapevolezze sui temi della sofferenza e dell’assistenza domiciliare personalizzata. L’intervento degli operatori è rivolto all’aiuto umano nei confronti dei pazienti e delle famiglie attraverso l’instaurarsi di relazioni e l’ascolto dei bisogni per donare sollievo psicologico e sostegno pratico. In parallelo, gli stessi volontari potranno fare affidamento sulla presenza rassicurante e professionale di una psicologa come supporto per affrontare le diverse problematiche. Questa ripartenza farà affidamento sul sostegno delle Acli di Arezzo che porranno a disposizione dell’Avad alcuni locali della sede in via Guido Monaco per offrire un punto di riferimento per volontari e famiglie bisognose del servizio di assistenza domiciliare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo consiglio direttivo e nuovi progetti per i volontari dell'assistenza domiciliare

ArezzoNotizie è in caricamento