Conclusa la consegna delle mascherine a Castiglion Fibocchi

Oltre alle mascherine arrivate dalla Regione Toscana, sono state consegnate altre due mascherine a nucleo familiare grazie alle donazioni delle associazioni del paese, di Monnalisa (cucite da una signora del paese) e da cittadini ed ex cittadini dal cuore grande

Si è conclusa nella giornata di oggi la consegna delle mascherine a Castiglion Fibocchi grazie al fondamentale aiuto di tutti i volontari della Protezione Civile e della Pubblica Assistenza. 

Oltre alle mascherine arrivate dalla Regione Toscana, sono state consegnate altre due mascherine a nucleo familiare grazie alle donazioni delle associazioni del paese, di Monnalisa (cucite da una signora del paese) e da cittadini ed ex cittadini dal cuore grande.
"La collaborazione tra l’Amministrazione, le associazioni, i volontari che si sono adoperati all’imbustamento delle mascherine e alla loro consegna è prova del grande senso di comunità ed appartenenza che ognuno sente per Castiglion Fibocchi" spiega l'amministrazione comunale.

I volontari hanno cominciato in prima mattina suonando il campanello di ogni famiglia e lasciando il pacchetto nella cassetta della posta o in apposito contenitore che il sindaco Ermini aveva chiesto di lasciare fuori per evitare contatti. Il suonare il campanello ed il sorriso dei volontari sono stati di grande conforto per gli anziani e per ogni Castiglionese che ha apprezzato ancora di più il volontariato, la solidarietà e l’associazionismo che caratterizzano ormai da anni il piccolo territorio. Uniti si vincerà anche questa dura battaglia, ha sempre sostenuto il sindaco Ermini con videomessaggi non solo informativi, ma di conforto e di speranza che periodicamente fa ai suoi cittadini, ed oggi ogni Castiglionese lo ha capito dai sorrisi avuti  in regalo dai ragazzi della Protezione Civile e della Pubblica Assistenza.

Le azioni intraprese dall’amministrazione continuano, è stato aperto  un conto corrente dedicato all’emergenza sanitaria dove chiunque voglia può effettuare una donazione; il ricavato verrà utilizzato  per aiutare le famiglie del territorio. 
Il sindaco Ermini ha sempre sostenuto che questa battaglia non poteva aver colori politici ma doveva portare il tricolore italiano e ribadisce ancora oggi che e’ il momento dell’Unione e non delle rivendicazioni partitiche, chi vuol far politica non può sfruttare l’emergenza in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Nuove regole allo studio per Natale e Capodanno: verso il Dpcm del 3 dicembre

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Nuovi assetti bancari in provincia:18 filiali Ubi passano a Bper. Tra queste anche la sede storica di Banca Etruria

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento