rotate-mobile
Attualità

Tpl. Autolinee chiede conguaglio sul chilometraggio. Ghinelli: "Non fanno scelte green e noi non collaboriamo"

Soltanto la scorsa settimana il sindaco Ghinelli aveva criticato l'assenza di investimenti in mezzi elettrici da parte di Autolinee Toscane: "E per questo - fanno sapere dalla giunta - non siamo disposti a collaborare"

“Non siamo disponibili a collaborare con una realtà che non prende in considerazione scelte green”. Ed è con questa spiegazione che il sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli, respinge al mittente, Autolinee Toscane, la richiesta riguardante “il trasferimento al trasporto pubblico locale (tpl) di un conguaglio richiesto rispetto ad un aumento di chilometraggio”. A fare muro oggi non è soltanto il sindaco ma l’intera giunta che, come reso noto da palazzo Cavallo attraverso una nota, in pieno sostegno alle convinzioni di Ghinelli, ha respinto la richiesta di Autolinee Toscane.

Ma da cosa nasce l’attrito? Il primo cittadino durante l’assemblea nazionale di Anci, svoltasi la scorsa settimana a Parma, ha esternato la propria perplessità in merito all’assenza di investimenti su mezzi elettrici e ad impatto zero da parte di Autolinee Toscane, società che dal 1° novembre è subentrata a Tiemme nella gestione del tpl. Ma dietro tale decisione non si celerebbe alcuna volontà anti ambientalista dell’azienda ma, bensì, una corrispondenza a quanto previsto nel bando di gara emesso nel 2012 dalla Regione Toscana utile all’individuazione del nuovo gestore. In quello specifico documento infatti, non viene fatto obbligo di investimenti su mezzi a impatto zero. Scelta decisamente poco in linea coi tempi sebbene non bisogna dimenticare che Autolinee è entrata in attività 10 anni dopo l’aggiudicazione della gara d’appalto poiché, storia più che nota, in questo tempo si è consumato un lungo e complesso contenzioso giudiziario avviato da Tiemme all’indomani dell’esclusione dal bando. Dunque, sebbene il bando sia in qualche modo obsoleto Autolinee Toscane si è espressa chiaramente riguardo l’avvio di percorso green della mobilità via gomma scelta, definita da fonti interne all’azienda, non solo auspicabile ma inevitabile.

Ma tant’è. Quest’oggi nella riunione di giunta, da Palazzo Cavallo confermano una posizione che sostiene inequivocabilmente quanto esposto da Ghinelli a Parma. “La giunta ha respinto il trasferimento al tpl di un conguaglio richiesto rispetto ad un aumento di chilometraggio. Non siamo disponibili a tenere un atteggiamento collaborativo con una realtà che nel rinnovo del parco mezzi non prende in considerazione scelte green, anche parziali, sulla mobilità - conferma il sindaco Ghinelli. - È un dato di fatto che il nostro pianeta stia correndo un grave pericolo, del quale ormai tutti siamo consapevoli e sempre più disponibili a scelte di sostenibilità. Proprio per questo deve essere ora più che mai chiara e concreta la responsabilità di chi, a titolo diverso e con incarichi diversi, è chiamato a rispondere ad una comunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tpl. Autolinee chiede conguaglio sul chilometraggio. Ghinelli: "Non fanno scelte green e noi non collaboriamo"

ArezzoNotizie è in caricamento