rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Attualità

Confartigianato: "Trasporto pubblico locale: decisivo tutelare la libertà d’impresa"

Meacci: "Rischio di trasformare migliaia di imprese in lavoratori subordinati vincolati ad un regime simile al caporalato"

Confartigianato Arezzo fa propria la battaglia nazionale sul tema del trasporto persone che ha portato Confartigianato nazionale a proclamare lo Stato di agitazione della categoria per ottenere lo stralcio dell’articolo 8 del Ddl Concorrenza e per avviare subito un confronto con il Governo e il Parlamento per riavviare il percorso di riforme del trasporto pubblico locale non in linea. Confartigianato ha però deciso di non aderire al fermo nazionale indetto per il 24 novembre.

Francesco Meacci, coordinatore della Federazione autotrasporto e coordinatore dell’Associazione Taxi di Confartigianato Arezzo, esprime “grande preoccupazione per quanto contenuto nel Ddl Concorrenza, visto che di fatto si tratta di un duplicato della delega già in essere per la riforma del trasporto pubblico locale non di linea”, ma anche “grande preoccupazione per assetti di mercato che potrebbero compromettere le prospettive di accesso al mercato degli operatori anche in contrasto con la Costituzione, che riconosce e tutela il valore dell’artigianato e della cooperazione”.

Meacci parla di “una disinvolta apertura alle piattaforme che si basano sull’intermediazione del lavoro, che mina le caratteristiche tipiche dell’esercizio autonomo e mutualisticamente organizzato delle attività di trasporto di persone non di linea, con il rischio di trasformare migliaia di imprese in lavoratori subordinati, vincolati ad un regime prossimo al caporalato”.

E il tutto senza utilità sociale, visto che, in insiste il rappresentante artigiano “il provvedimento non apporta per l’utente alcun miglioramento del servizio, come già sperimentato in altre nazioni nelle quali si sta tornando all’assetto precedente: deve essere marcata la differenza tra intermediazione e interconnessione, per evitare che si verifichi un vero e proprio attacco al lavoro che privilegi pericolosamente strumenti che lo intermediano anziché produrlo. Occorre tutelare il lavoro, non l’intermediazione del lavoro”.

“La libertà d’impresa  - approfondisce Meacci - non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale, non può recare danno alla sicurezza, alla liberta e alla dignità umana, come previsto dall’art. 41 della Costituzione, nell’ottica dell’interesse collettivo che nel nostro settore deve essere sempre garantita, in quanto servizio pubblico, e il provvedimento non può prescindere dalla difesa dell’artigianato e della cooperazione – settori tutelati dall’art. 45 della Costituzione”.

Particolarmente colpiti dal provvedimento governativo si sentono i tassisti. E qui interviene Alessandro Tani, presidente dell’Associazione tassisti di Confartigianato Arezzo,  che spiega come “sia assolutamente necessario sostenere quanto contenuto nell’art. 117 della Costituzione sulle competenze specifiche delle Regioni in materia di Trasporto pubblico locale: superare l’autonomia regionale contraddice e fa venir meno i principi della programmazione territoriale, della regolazione e del livello dei servizi, della garanzia di servizio pubblico che le Regioni in questi anni hanno assicurato”.

“La collettività o le Istituzioni – insiste Tani - devono essere portate a condividere il fatto  che la regolazione del nostro servizio – prevista nella normativa europea – va nell’interesse dei cittadini e dell’utenza. A questi noi ci rivolgiamo, perché comprendano che non si tratta di una battaglia di parte visto che scardinare un servizio pubblico come il nostro sottrae valore, competenze e risorse alla collettività perché si propone di scavalcare questi fattori senza rispettare precisi principi costituzionali solo in nome del profitto e di una squilibrata concorrenza”.

Meacci a Tani sostengono comunque, malgrado la difficile situazione, la posizione di Confartigianato Trasporto Persone nazionale rispetto alla non adesione al fermo nazionale,  “Fermo che sarebbe -  concludono - una prematura forzatura in questa fase, in considerazione del prevedibile iter parlamentare del provvedimento e rischierebbe di compromettere la strada di una responsabile interlocuzione con le Istituzioni”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confartigianato: "Trasporto pubblico locale: decisivo tutelare la libertà d’impresa"

ArezzoNotizie è in caricamento