Musica ad impatto zero per salvare la Valle delle Piagge. Casa del Vento e Modena City Ramblers live a Cincelli

Un momento di incontro che porta con sé un messaggio molto chiaro: "la natura, la bellezza, il valore della Valle delle Piagge, non si toccano"

Francesco Fry Moneti e Luca Lanzi

Un concerto ad impatto zero per dire no alla cava nella piana di Cincelli.
Così il comitato la Valle delle Piagge continua la propria attività di sensibilizzazione nei confronti dell'opinione pubblica tenendo sempre puntato il faro sulla questione relativa all'apertura di un centro estrattivo in mezzo alla campagna di Capolona. 

L'evento in questione è in calendario per il prossimo 24 giungno alle 18 in punto all'interno degli spazi del B&B Le Bilodole a Cincelli. 

"Si tratta - fanno sapere dal comitato - di un evento musicale unico, ad impatto zero: i musicisti e le band suoneranno immersi nella natura, con soli strumenti acustici, violini, sax, violoncelli, fisarmoniche, percussioni senza corrente elettrica, a zero emissioni di CO2".

Un momento di incontro che porta con sé un messaggio molto chiaro: "la natura, la bellezza, il valore della Valle delle Piagge, non si toccano".

Molti i protagonisti tra cui il gruppo La Casa del vento con Luca Lanzi e Francesco Fry Moneti in rappresentanza dei Modena City Ramblers, che in più occasioni hanno manifestato il sostegno alla causa del comitato. A loro si unirà anche una nutrita componente di band aretine, e non, come i già annunciati Alabama & Cocaines e Train de Vie, daranno vita a un concerto in acustico a zero emissioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’iniziativa si prefigge - continuano dal comitato - l'obiettivo di sensibilizzare tutti i cittadini, compresi i più giovani, sulla vicenda che rischia di trasformare questo territorio unico nel suo genere in una cava per l’estrazione di ghiaia e sabbia. Un’eventualità sciagurata che porterebbe immediati effetti negativi sulle attività agricole e commerciali e su quelle dedite alla ricezione, oltre che sul patrimonio immobiliare, paesaggistico e naturalistico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento