menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Cavriglia continua la collaborazione con l'associazione Conkarma per i servizi educativi extra scolastici

Redatto un “protocollo sicurezza anti contagio” specifico per il servizio di assistenza educativa sostenuto dall’amministrazione cavrigliese

Oggi rientrano in classe con la didattica in presenza le classi seconde e terze della scuola secondaria di I grado.

E' l'occasione per l'Amministrazione comunale di Cavriglia per rinnovare gli auguri di buon lavoro a tutti gli studenti. In questo periodo però è utile ricordare che i servizi educativi del Comune di Cavriglia rivolti ai minori iscritti alle scuole e residenti nel comune non si sono mai fermati. Il progetto del sostegno didattico extrascolastico dell’associazione Conkarma è nato ormai da anni in collaborazione con i servizi sociali e prevede attività di sostegno alla didattica per minori con disabilità fisiche e psichiche, Bes e Dsa o a rischio di marginalità ed esclusione sociale.
Il perdurare dell’emergenza sanitaria incide soprattutto sulle fasce più deboli e a rischio, così in particolare l’Amministrazione comunale di Cavriglia ha continuato ad attivare il progetto con l’associazione Conkarma, che nonostante il periodo storico che stiamo attraversando è sempre operativa, anche se per alcune attività in modi e forme non abituali.
Gli obiettivi principali sono quelli di sostenere le famiglie, creare una rete civica di supporto nel percorso educativo, prevenire il rischio dell’abbandono scolastico. L'associazione ha un’esperienza pluridecennale che va dal babysitting all’assistenza educativa domiciliare ai centri socio-educativi allo sportello psicologico.

Conkarma ha sede legale a Cavriglia, e così scrive la responsabile dei servizi educativi: “E’ ancora più importante oggi garantire la continuità della relazione educativa, fare in modo che i bambini e i ragazzi non si sentano soli e che i genitori  ricevano il massimo supporto. Laddove appare necessario proseguire con le attività in presenza vengono applicati i necessari protocolli sanitari che permettono di operare in sicurezza”.

Così è stato anche redatto un “protocollo sicurezza anti contagio” specifico per il servizio di assistenza educativa sostenuto dall’amministrazione cavrigliese, servizio che prevede incontri settimanali, concordati con la famiglia e che si realizza in presenza presso gli spazi individuati nella sede legale dell’associazione a Cavriglia e in una sala parrocchiale a Meleto, per garantire la massima fruibilità sul territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    I fiocchi di Carnevale

  • Attualità

    100 candeline per nonna Rosa

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento