rotate-mobile
Attualità

Comparto della moda in emergenza: aumentano i costi e diminuiscono gli ordini

Confartigianato chiede interventi urgenti a livello nazionale e regionale per dare ossigeno alle aziende che sono sempre più spinte a chiedere la cassa integrazione per i propri lavoratori

Siamo di fronte ad una vera e propria emergenza del comparto moda con molte aziende che chiedono la cassa integrazione e che trascinano nella crisi le piccole imprese dell'indotto.

“È una crisi che si registra da tempo e che negli ultimi mesi si è aggravata per tutto il settore TAC (tessile, abbigliamento, calzature). I problemi più gravi lamentati dalle imprese sono: il costo del lavoro, il calo degli ordinativi, i costi delle materie prime e dell'energia” spiega Giordano Frangipani presidente provinciale di Confartigianato Moda

Parliamo di un settore nel quale a livello nazionale sono attive 49.593 micro e piccole imprese con 279mila addetti, il 61,5% del totale del settore. Le 34mila imprese artigiane attive danno lavoro a 139 mila addetti, pari al 30,6% dell’occupazione della moda

Nel corso di questi ultimi mesi Confartigianato ha richiesto a varie riprese misure urgenti di sostegno per il comparto moda, alla Regione Toscana, al Ministero delle Imprese e del Made in Italy, e al presidente Abi.

“Come presidente provinciale di Confartigianato Arezzo - precisa Maurizio Baldi - voglio anche porre l’attenzione sul fatto che in realtà questa crisi investe tutta l’economia quindi il rischio è che si allarghi a macchia d’olio e non sia circoscritta al solo comparto moda. Le stesse commesse sono frammentate, l’incertezza che regna fa mancare la programmazione e di conseguenza si attiva una spirale pericolosa che richiede interventi immediati. Confartigianato si è mossa da tempo sia sui tavoli nazionali che regionali. - sottolinea Maurizio Baldi - Le richieste fatte sono precise: Incentivazione di Fondi strutturali regionali, accedere al fondo per il Made in Italy impostando finanziamenti per liquidità a tasso 0 o calmierato. Queste potrebbero essere due delle tante strade percorribili”

“Al Governo, in particolare, abbiamo fatto 3 proposte e richieste specifiche - spiega Frangipani - non più procrastinabili: la sospensione dei versamenti contributivi ed erariali per 12 mesi a partire dal 1 Giugno prossimo e il rientro graduale dei contributi e delle imposte dovute attraverso 4 rate trimestrali a tasso zero di cui la prima al 30 giugno 2025; la cig in deroga a valere per tutte le tipologie di imprese della moda (artigiane, di persone, di capitali, ecc.) per 6 settimane sotto e sopra i 15 dipendenti e /o il rifinanziamento degli enti bilaterali, e l’esenzione delle quote di partecipazione alle manifestazioni di Ice Agenzia fino al 31 luglio 2025”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comparto della moda in emergenza: aumentano i costi e diminuiscono gli ordini

ArezzoNotizie è in caricamento