Attualità

Sagre, ultima riunione della commissione. Spaccatura sull'aumento delle manifestazioni: "Potrebbero passare da 16 a 18"

Nel calendario - che la giunta dovrà approvare - comparirà anche una nuova sagra: quella del fungo porcino a Ceciliano. Alvisi: "Precedente pericoloso, ogni anno potrebbero aumentare"d

Da sedici a diciotto sagre, un regolamento approvato e un bilancio dell'attività degli ultimi quattro anni che non è esente di luci ed ombre. La commissione sagre si è riunita l'altro ieri: è stato l'ultimo incontro prima della fine della legislatura, l'ultimo prima dell'inizio delle tradizionali feste di paese. 

Una riunione che si è conclusa con una proposta approvata, ma non condivisa da tutte le parti presenti al tavolo dei lavori, sulla quale adesso dovrà esprimersi la Giunta Ghinelli. Quale? Quella di far lievitare per la prossima stagione il numero delle sagre che potrebbe passare da 16 a 18. Le due nuove sagre sono quella di Policiano - che lo scorso anno non si svolse perché presentò le richieste dopo la scadenza del termine - e quella che vorrebbero organizzare a Ceciliano il prossimo settembre, dedicata al fungo porcino. 

Sul voto la commissione si è spaccata. Da un lato i rappresentanti del comune e quello delle sagre, Flavio Sisi, dall'altro i rappresentanti dei commercianti, ovvero Valeria Alvisi di Confesercenti e Alessandro Micheli di Confcommercio.

"Abbiamo votato contro perché il regolamento stabiliva chiaramente che ci sarebbero dovute essere un massimo di 16 sagre per 128 giorni all'anno - spiega Alvisi - Se la giunta a proposta approvasse questa proposta, andrebbe contro il regolamento e si creerebbe un precedente: ogni anno potrebbero esserci deroghe e il numero aumenterebbe. C'è da dire che le due sagre aggiunte non farebbero comunque superare i 128 giorni".

Una proposta che ha scelto anche lo stesso rappresentante delle sagre:

"Prendo atto - dice Sisi - che finalmente si riconosce alle sagre il loro valore. Forse perché siamo in clima elettorale? Vorrei poter idealmente abbracciare e ringraziare uno ad uno anche le donne e gli uomini delle sagre, per aver creduto in me in questi 4 anni. Ogni vostro attestato di stima è stato x me in questi anni la più bella ricompensa che potessi avere. Voi mi avete dato più di quanto io abbia dato a voi. Ho solo un rimpianto, non aver lasciato a questa città e soprattutto alle "mie" associazioni, il regolamento che meritano".

Il regolamento che in un primo momento portò scompiglio nel mondo delle sagre, per i commercianti ha lati positivi.

"Riconosciamo che è stato reso l'intero settore più trasparente - dice Alvisi - : la presentazione dei bilanci, sapere a quali associazioni vanno i soldi raccolti durante gli eventi, aver dato una regola ai menù. La pizza ha attirato l'attenzione, in realtà però la discussione a portato a rendere i menù più tipici e più tradizionali"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sagre, ultima riunione della commissione. Spaccatura sull'aumento delle manifestazioni: "Potrebbero passare da 16 a 18"

ArezzoNotizie è in caricamento