Domenica, 20 Giugno 2021
Attualità

Commissione d'inchiesta sulla mafia in Toscana: Lucia De Robertis eletta vice presidente

A spiegare compiti e obiettivi della commissione d’inchiesta, il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo: “Servirà a verificare se vi sono pratiche da eliminare, cambiare o migliorare e se vi sono azioni positive da valorizzare per prevenire il virus mafioso”

Lucia De Robertis

Si è insediata questo pomeriggio, lunedì 17 maggio, la commissione d’inchiesta sulle infiltrazioni mafiose e della criminalità organizzata in Toscana. È stata eletta presidente Elena Meini (Lega), vicepresidente Lucia De Robertis (Pd), vicepresidente segretario Maurizio Sguanci (Italia Viva). La votazione, palese, è stata espressa dopo la presentazione di una sola lista annunciata da Alessandro Capecchi (Fratelli d’Italia). Presidente e ufficio di presidenza hanno incassato il solo voto contrario di Irene Galletti (Movimento 5 stelle). Una scelta “non sulle persone ma sul metodo”, ha spiegato la capogruppo, lamentando, “ancora una volta” il “mancato coinvolgimento del Movimento” nel confronto con le opposizioni.

A spiegare compiti e obiettivi della commissione d’inchiesta, il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo: “Servirà a verificare, attraverso una scrupolosa azione di indagine su quello che è di competenza regionale, se vi sono pratiche da eliminare, cambiare o migliorare e se vi sono azioni positive ulteriori, rispetto a quelle realizzate in questi anni, da valorizzare sempre di più al fine di garantire che la convivenza sociale ed economica della nostra regione sviluppi tutti gli anticorpi necessari a eliminare fin dal suo primo insorgere ogni possibile virus mafioso”.

“La decisione di dare avvio a questa commissione d’inchiesta – ha spiegato Mazzeo in apertura di lavori – è stata assunta in maniera collegiale e unanime”. “Su questioni come la ricerca della legalità e della trasparenza non è possibile alcuna divisione né partitica né fra maggioranza e opposizione. Il nostro obiettivo è stato, una volta deliberata la costituzione di questa commissione, farla partire più velocemente possibile e questo assume ancora maggior valore in un momento come questo a fronte della recente inchiesta della magistratura a cui ancora una volta confermiamo tutto il nostro sostegno e la richiesta di svolgere presto e bene il proprio lavoro”. “C’è – ha concluso il presidente – una necessità forte, che sentiamo comune, di combattere tutti insieme contro ogni tentativo di infiltrazione mafiosa nella società e nell’economia toscana, un concetto che vale ancora di più a fronte della crisi economica e sociale che si è generata con la pandemia e delle difficoltà che vivono tante realtà del nostro tessuto economico e produttivo”.

“Questa commissione appartiene a tutti i toscani. Il mio compito sarà quello di fare da collante con associazioni, prefetti e tutti coloro che vorranno essere ascoltati”, ha dichiarato la presidente Meini al termine della votazione. “C’è molta attesa su quello che faremo e il nostro compito sarà vigilare sul passato, ma anche offrire proposte serie e concrete per il futuro”.

Fanno parte della commissione anche i consiglieri  Alessandro Capecchi (Fratelli d’Italia), Irene Galletti (Movimento 5 Stelle) e Marco Stella (Forza Italia).  

La commissione d’inchiesta, sempre come previsto dal regolamento, avrà per ogni eventuale decisione un voto ponderato corrispondente alla consistenza numerica del gruppo di appartenenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commissione d'inchiesta sulla mafia in Toscana: Lucia De Robertis eletta vice presidente

ArezzoNotizie è in caricamento