Al fianco dei negozianti. Confronto tra commercianti e comune di Anghiari

“Restart Anghiari” è infatti quello di coinvolgere ogni portatore di interessi su ogni tema: dalla scuola all’artigianato, dal commercio alla cultura, dall’urbanistica al territorio e allo sport

L’amministrazione comunale di Anghiari ha convocato un incontro in programma domani sera via Skype, con i rappresentanti delle attività commerciali del territorio per individuare insieme una ripartenza che sia in sicurezza, ma che allo stesso tempo permetta agli operatori del settore di lavorare. 

“L’obiettivo dell’amministrazione è quello di confrontarci, ascoltare le esigenze dei commercianti e cercare insieme soluzioni  – ha spiegato il sindaco Alessandro Polcri - è ragionevole e di buon senso pensare di recuperare pertinenze all’esterno per evitare che ristoranti e bar escano da questa emergenza con le ossa rotte, e su questo tema non vedo problemi, mi preoccupa piuttosto la paura che comprensibilmente c’è ancora tra la gente e che potrebbe rallentare la ripresa. Anghiari si è sempre mosso con prudenza, cercando di dare fiato ai nostri imprenditori, esercenti e alle famiglie e rinviando tutto quello che c’era da rinviare: Tari, Icp, Tosap e servizi educativi. Stiamo già lavorando alla fase 3 e riorganizzando il lavoro degli uffici col supporto “di portatori di interessi. Il principio è quello della condivisione”.

L'obiettivo di “Restart Anghiari” è infatti quello di coinvolgere ogni portatore di interessi su ogni tema: dalla scuola all’artigianato, dal commercio alla cultura, dall’urbanistica al territorio e allo sport. E proprio questo principio sarà alla base dell’incontro in programma domani sera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Nuove regole allo studio per Natale e Capodanno: verso il Dpcm del 3 dicembre

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Nuovi assetti bancari in provincia:18 filiali Ubi passano a Bper. Tra queste anche la sede storica di Banca Etruria

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento