#invisibilimaindispensabili, rinnovo del ccnl del settore dei multiservizi

I delegati comparto Fisascat multiservizi della provincia hanno partecipato alla piazza virtuale organizzata a livello regionale per un confronto che non ha solo posto l’accento sulle criticità, ma ha anche evidenziato quali potrebbero essere le azioni da intraprendere

Anche presso la sede Cisl di Arezzo i delegati comparto Fisascat multiservizi della provincia hanno partecipato alla piazza virtuale organizzata a livello regionale per un confronto che non ha solo posto l’accento sulle criticità, ma ha anche evidenziato quali potrebbero essere le azioni da intraprendere, in un comparto che raggruppa molte figure professionali e che chiede il rinnovo del contratto ormai da sette anni. 

"Un confronto necessario, sottolinea Maria Rosaria Esposito della Fisascat Arezzo, che ha voluto accendere i riflettori su una categoria che, durante i difficili mesi del lockdown, anche qui nell’aretino, si è dimostrata essere indispensabile pur lavorando all’ombra dei riflettori. Il popolo delle pulizie negli ospedali ad esempio, continua la Esposito, ha svolto con professionalità un lavoro delicato, ma estremamente necessario e rischioso.
Tuttavia, l’emergenza covid19 ha prodotto da una parte il mantenimento di alcune attività lavorative che hanno visto l’aumento dei carichi di lavoro con orari e turni spesso massacranti, la scarsa dotazione di dispositivi di sicurezza e la poca formazione effettuata rispetto alla complessità della situazione; dall’altra attività ridotte o sospese a zero ore “salvate” per ora dagli ammortizzatori sociali. 
La Fisascat CISL di Arezzo, continua Maria Rosario Esposito, unitamente alla Fisascat Toscana vuole dare voce alle tante criticità del settore fra le quali il mancato rinnovo del contratto nazionale, appalti al massimo ribasso, dumping contrattuale, scarsa formazione, lavori usuranti, mancanza di dispositivi per la sicurezza sul lavoro, tempistiche inadeguate rispetto all’effettiva attività da svolgere, di certo fantasmi con poco appeal mediatico. Lo scorso marzo, in piena pandemia, proseguono dalla CISL, fummo gli unici a ricordare con una fornitura di mascherine questi lavoratori che, nonostante la criticità del momento, non hanno fatto mai mancare la loro professionalità negli ospedali dell’aretino.
Il nostro impegno, conclude Esposito, è quello di rilanciare una forte azione per trovare soluzioni concrete, una nuova contrattazione regionale, nuove indennità e tutele, implementare i protocolli di intesa per gli appalti pubblici a garanzia della salvaguardia occupazionale, giusto riconoscimento ai lavoratori in appalto nei servizi sanitari, sostegno ai lavoratori rimasti fuori dall’internalizzazione del servizio pulizia e sorveglianza nelle scuole, attenzione maggiore sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ma, soprattutto, la sottoscrizione del rinnovo del contratto nazionale per dare dignità, rispetto e tutele ai cavalieri di carta che per noi non saranno mai gli ultimi!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

  • Coronavirus: 658 nuovi casi e 32 decessi. I dati di oggi della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento