Cilona, impegno e trasparenza: "La questura sarà una teca di cristallo"

Conferenza stampa del nuovo questore di Arezzo. 61 anni, originario di Agrigento, ha lavorato a lungo in Toscana. Arriva in città dopo due anni e mezzo a Rovigo

Si sente a casa il questore Fabio Salvatore Cilona e non lo nasconde. Anzi, a metà della conferenza stampa lo confessa apertamente: "Sono un siciliano orgoglioso e un toscano adottivo, felice di essere qua". 61 anni compiuti ad agosto, originario di Cattolica Eraclea, provincia di Agrigento, arriva ad Arezzo dopo due anni e mezzo a capo della questura di Rovigo. Prende il posto di Bruno Failla, trasferitosi a Vicenza.

Da queste parti Cilona ha già lavorato a lungo, fin dai primi anni '80: squadra mobile, volanti e antirapina a Firenze, vicequestore vicario a Prato e Pisa. Nel curriculum anche la Dia di Padova prima dell'arrivo in Polesine. Cilona è uomo d'azione e uomo delle istituzioni: "Mia moglie è magistrato al tribunale di Firenze, una delle mie due figlie studia per diventare commissario di polizia e la cosa mi rende felice. Considero essenziale il rispetto delle regole".

Cordiale ma deciso, sorridente ma dai toni fermi, di fronte ai giornalisti ha sottolineato più volte che ama lavorare di staff: "La leadership si esercita valorizzando i talenti e le professionalità del team. Ma non chiedetemi dettagli più precisi su quello che c'è da fare perché sono arrivato da tre giorni appena. Ho già incontrato prefetto e sindaco, lo farò in tempi brevi anche con i comandanti provinciali di carabinieri e guardia di finanza, oltre che con il comandante della polizia locale. Poi avrò un quadro preciso della situaizone. Faccio mia una frase del capo della polizia, Franco Gabrielli, e dico che la questura dev'essere una teca di cristallo. Massima trasparenza nel lavoro e nei rapporti con i giornalisti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Micro e macro criminalità, l'esercito a Saione per "strade sicure", il caso Banca Etruria, la carenza di uomini e donne per svolgere l'attività quotidiana sono alcuni dei temi sul tavolo del questore. Ma Cilona le difficoltà vuole prenderle di petto: "C'è un problema di senilizzazione del personale con cui dobbiamo fare i conti, ma a maggior ragione per fare questo lavoro servono tanta passione, massimo impegno e una volontà ferrea. Anche la stampa può dare un contributo, soprattutto in relazione alla forbice che esiste, sempre più divaricata, tra sicurezza reale e sicurezza percepita dai cittadini. La realtà va raccontata com'è, senza sminuirla né ingigantirla".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Animali 3D in casa grazie a Google. Come fare e l'elenco completo

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • "In trincea contro il Covid-19: colpisce e uccide lasciando soli i pazienti". La storia di Sara, infermiera aretina a Bologna

  • Coronavirus, 27 nuovi tamponi positivi nell'Aretino. In città due casi

  • Un 22enne stampa in 3D le valvole per le maschere Decathlon. E le dona agli ospedali

  • Emergenza Covid-19: un valido aiuto viene dai Commercialisti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento