Il cibo non consumato nelle mense alle famiglie in difficoltà

Si chiama “Viva la bontà… abbasso lo spreco!” il protocollo di intesa firmato oggi a Monte San Savino per il recupero e la destinazione a fini sociali del cibo che non viene consumato nelle mense scolastiche. Un progetto innovativo ideato dal...

IMG-20170426-WA0001

Si chiama “Viva la bontà… abbasso lo spreco!” il protocollo di intesa firmato oggi a Monte San Savino per il recupero e la destinazione a fini sociali del cibo che non viene consumato nelle mense scolastiche. Un progetto innovativo ideato dal Comune e sottoscritto insieme con Cir Food, società che gestisce il servizio mensa, l’Istituzione Scolastica e le associazioni di volontariato che operano nel territorio savinese.

Fulcro del nuovo progetto è il nuovo centro cottura inaugurato sabato scorso presso la scuola primaria “Magini” del capoluogo, atto finale della re-internalizzazione del servizio mensa, ‘riconquista’ di un servizio che era stato allontanato dal territorio comunale oltre vent’anni fa e che ora può essere messo a disposizione non solo delle scuole, ma delle fasce bisognose della popolazione.

Il protocollo di intesa firmato stamani, al quale hanno aderito oltre al Comune e Cir Food anche l’associazione Arca, Arci – Circolo Ciaperoni, Croce Bianca, Croce Rossa e Misericordia si propone di raccogliere le eccedenze alimentari delle Mense delle scuole savinesi destinandolo, con la collaborazione delle associazioni, a soggetti indigenti individuati in base a precisi criteri dai Servizi Sociali del Comune.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Un progetto nella strada che ci eravano prefissi sin dall’inizio del mandato, quella di creare una Monte San Savino più solidale e coesa, in cui nessuno fosse lasciato solo” dichiara il sindaco Margherita Scarpellini “Con questo protocollo si compie un altro passo importante nella tutela dei più deboli, facendo squadra per evitare gli sprechi e dare un concreto aiuto a chi è in difficoltà, rafforzando un sistema socio-assistenziale che è cresciuto molto in questi anni e punta ad essere ancora più solido e moderno. Da qui, con nuovi strumenti come questo, si potrà crescere ancora”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento