rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Attualità Cavriglia

Cibo, farmaci e lettere: carovana della solidarietà partita alla volta dell'Ucraina

Al convoglio si è unita anche una rappresentanza della Misericordia di Castelfranco Piandiscò e la ditta Petricca ha messo gratuitamente a disposizione un mezzo di trasporto per limitare le spese necessarie ad affrontare il viaggio

È partito da Cavriglia alle 7.45 circa un mini convoglio, quattro furgoni e dieci volontari, per consegnare i beni di prima necessità (vestiti, viveri e farmaci) donati dalla comunità valdarnese per la raccolta “Uniti per l'Ucraina” nei giorni scorsi. Prima destinazione il check point di Budomezh Hrusciv al confine tra Ucraina e Polonia e poi, nel viaggio di ritorno, la cittadina polacca di Skawina nei pressi di Cracovia. La carovana della solidarietà giungerà in Polonia domani mattina, dopo aver sostato per la notte a Vienna, lascerà gran parte del carico al confine e il rimanente a Skawina.

L'organizzazione è a cura della confraternita della Misericordia di San Giovanni, sezione di Cavriglia con il supporto dell'amministrazione comunale: i beni consegnati al check point di  Budomezh Hrusciv saranno poi da qui trasportati con destinazione finale alla città ucraina di Mogilev-Podol'skij, gemellata con Cavriglia. La scelta non è casuale in quanto questo è il luogo di nascita di Nicolaj Bujanov, il partigiano ucraino che donò la propria vita durante la resistenza a Castelnuovo dei Sabbioni l'8 luglio 1944, quando venne ucciso durante un rastrellamento nazista. "La missione umanitaria - spiegano dall'amministrazione - rende anche omaggio al giovane, medaglia d'oro al valore militare alla memoria e tra i simboli della resistenza a Cavriglia".

Al convoglio si è unita anche una rappresentanza della Misericordia di Castelfranco Piandiscò e la ditta Petricca ha messo gratuitamente a disposizione un mezzo di trasporto per limitare le spese necessarie ad affrontare il viaggio. Con le scatole dei viveri arriveranno in Ucraina peraltro anche alcune lettere scritte dagli studenti dell'istituto comprensivo “Dante Alighieri” ai loro coetanei.

Viveri, vestiti e farmaci avranno poi come destinazione finale Mogilev-Podol'skij, la città natale di Nikolaj Bujanov

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cibo, farmaci e lettere: carovana della solidarietà partita alla volta dell'Ucraina

ArezzoNotizie è in caricamento