Attualità

Comunità del cibo, successo per l'iniziativa di Pratantico. Fraternita: "Sosteniamo proposta di legge per la biodiversità"

A Pratantico si è svolto un affollato incontro organizzato da GianFranco Cherici, sostenuto dalla Fraternita dei Laici, sulla biodiversità agro-alimentare con lo scopo di attivare ad Arezzo la Comunità del Cibo. Presente il Primo Rettore della...

verdure4

A Pratantico si è svolto un affollato incontro organizzato da GianFranco Cherici, sostenuto dalla Fraternita dei Laici, sulla biodiversità agro-alimentare con lo scopo di attivare ad Arezzo la Comunità del Cibo. Presente il Primo Rettore della Fraternita, Pier Luigi Rossi. La Comunità del Cibo e della Biodiversità agro-alimentare è descritta nella legge dicembre 2015, n. 194

Disposizioni per la tutela e la valorizzazione della biodiversità di interesse agricolo e alimentare.

(GU n.288 del 11-12-2015). Lo scopo della istituenda Comunità del Cibo è sensibilizzare la popolazione, sostenere le produzioni agrarie e alimentari, promuovere comportamenti atti a tutelare la biodiversita' di interesse agricolo e alimentare.

La comunità del cibo e della biodiversità di interesse agricolo e alimentare agisce in ambito locale, in Arezzo, e può essere composta da agricoltori e allevatori locali, gruppi di acquisto solidale, istituti scolastici e universitari, centri di ricerca, associazioni per la tutela della qualità della biodiversità di interesse agricolo e alimentare, mense scolastiche, ospedali, esercizi di ristorazione, esercizi commerciali, piccole e medie imprese artigiane di trasformazione agraria e alimentare, nonché enti pubblici.

Le Comunità del cibo possono realizzare:

a) lo studio, il recupero e la trasmissione di conoscenze sulle risorse genetiche di interesse alimentare ed agrario locali;

b) la realizzazione di forme di filiera corta, di vendita diretta, di scambio e di acquisto di prodotti agricoli e alimentari nell'ambito di circuiti locali;

c) lo studio e la diffusione di pratiche proprie dell'agricoltura biologica e di altri sistemi colturali a basso impatto ambientale e volti al risparmio idrico, alla minore emissione di anidride carbonica, alla maggiore fertilita' dei suoli e al minore utilizzo di imballaggi per la distribuzione e per la vendita dei prodotti;

d) lo studio, il recupero e la trasmissione dei saperi tradizionali relativi alle colture agrarie, alla naturale selezione delle sementi per fare fronte ai mutamenti climatici e alla corretta alimentazione;

e) la realizzazione di orti didattici, sociali, urbani e collettivi, quali strumenti di valorizzazione delle varieta' locali, educazione all'ambiente e alle pratiche agricole, aggregazione sociale, riqualificazione delle aree dismesse o degradate e dei terreni agricoli inutilizzati. "La Fraternita dei Laici, una delle più grandi aziende agricole in Arezzo e provincia vuole essere l'istituzione guida nella costituzione della Comunità del Cibo in Arezzo", ha dichiarato Pier Luigi Rossi, Primo Rettore.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunità del cibo, successo per l'iniziativa di Pratantico. Fraternita: "Sosteniamo proposta di legge per la biodiversità"

ArezzoNotizie è in caricamento